lunedì 21 settembre 2020
  • 0
NEWS 22 aprile 2014    
Klaus Berger: crisi del cristianesimo? Alle parole di Gesù abbiamo preferito il culto della tolleranza

«Il cristianesimo in Occidente» rischia il collasso «per le  proprie debolezze», perché ha sostituito il Credo della fede con il comandamento della tolleranza. «Ci possiamo salvare solo se diamo una chance alle proposte di Gesù che ci sembrano inaccettabili». Lo ha detto Klaus Berger, uno dei massimo esegeti di lingua tedesca del Nuovo Testamento, docente emerito all’Università di Heidelberg. Una semplice modernizzazione della Chiesa «non risolve il problema», ha detto Berger, perché «il problema non consiste in strutture sclerotizzate, ma in un in burn-out religioso». E burn-out è l’espressione che in psicologia indica l’esaurimento delle forze dovuto a un mix di stress e frustrazione, a una progressiva perdita di spinta e motivazione interiore. Berger, autore di moltissimi libri, ne ha da poco firmato uno dal titolo Die Bibelfälscher, i falsificatori della Bibbia, sottotitolo «Come siamo stati ingannati sulla verità». Un durissimo atto d’accusa nei confronti dell’esegesi liberale protestante, e di quella cattolica che ne è stata influenzata lungo tutto il ‘900, e che ha portato alla distruzione della capacità di riconoscere un contenuto veritativo nel testo biblico. 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: