martedì 22 giugno 2021
  • 0
NEWS 11 maggio 2021    di Redazione

La chiesa tedesca sfida il Vaticano: cronache dal 10 maggio #liebegewinnt

I sacerdoti e gli operatori pastorali in Germania hanno sfidato il Vaticano lunedì conducendo cerimonie di benedizione a cui partecipavano coppie dello stesso sesso. Gli organizzatori hanno disposto una giornata di protesta il 10 maggio in risposta alla recente dichiarazione del Vaticano secondo cui la Chiesa non può benedire le unioni dello stesso sesso. Le cerimonie, note come “Segnungsgottesdienste für Liebende”, o “servizi di benedizione per gli innamorati”, sono state promosse utilizzando l’hashtag “#liebegewinnt” (“l’amore vince”). Gli organizzatori hanno affermato che i servizi erano aperti a tutte le coppie, comprese – e in particolare – quelle dello stesso sesso.

Le cerimonie si sono svolte in circa 80 città della Germania e anche a Zurigo, la città più grande della Svizzera Difficile calcolare il numero preciso di benedizioni elargite, nella città bavarese di Würzburg, ma anche in altre località come Aquisgrana, Berlino, Francoforte, Magonza e Colonia, si sono svolte diverse funzioni contemporaneamente. Quasi 130 partecipanti si sono riuniti nella chiesa degli Agostiniani, non lontano dalla cattedrale di Würzburg, mentre quasi 40 persone hanno assistito contemporaneamente a una cerimonia nella chiesa dei giovani. Osservatori a Colonia, Monaco e Würzburg hanno riferito che in molti luoghi un “numero modesto” di persone ha preso parte alla campagna di benedizioni. Un partecipante ha riferito da Colonia che un totale di sei coppie sono state benedette nella cappella della comunità universitaria cattolica locale, e un totale di 23 persone erano presenti.

In molti luoghi è stata impartita una benedizione generale alla fine della messa, che, tuttavia, includeva esplicitamente le coppie omosessuali e le loro relazioni. A volte sono state offerte benedizioni individuali dopo la cerimonia. Secondo gli organizzatori presso la Liebfrauenkirche a Francoforte: «Alla fine della Messa […] i frati cappuccini erano a disposizione di tutte le coppie per le benedizioni personali». La chiesa, dedicata a Maria, appartiene alla diocesi di Limburg, guidata dal vescovo Georg Bätzing, presidente della Conferenza episcopale tedesca. Anche nella chiesa agostiniana di Würzburg tutte le coppie – comprese espressamente le coppie dello stesso sesso – sono state invitate a “venire a ricevere” la benedizione individuale in una stanza sul retro dopo il servizio.

La modalità delle benedizioni variava da luogo a luogo. Un partecipante che ha assistito alla cerimonia di benedizione a Colonia ha detto che la cerimonia era come un “evento politico”. Dopo alcune dichiarazioni, il Vangelo è stato letto ad alta voce, seguito da un discorso. Infine, è stata suonata la canzone Imagine di John Lennon. Alla chiesa dei giovani di Würzburg, un organizzatore ha parlato della “rabbia e tristezza” che aveva prevalso dall’intervento vaticano. Nel santuario è stato allestito un “muro” temporaneo e ai partecipanti è stato chiesto di scrivere “tutto ciò che ti turba” e di apporre la loro scritta sul muro. La Chiesa non dovrebbe avere la pretesa di definire cosa sia l’amore, ha commentato l’organizzatore: «L’amore non è un peccato; siamo tutti benedetti, fondamentalmente. Partiamo da questo». Allo stesso tempo, nella vicina chiesa agostiniana, il sacerdote ha sottolineato che la benedizione di Dio appartiene a «tutte le persone». «Non possiamo fare a meno di benedire», ha continuato il sacerdote, aggiungendo che coloro che hanno benedetto le unioni dello stesso sesso stavano seguendo la loro coscienza. Padre Burkard Hose, di Würzburg, ha confermato nel suo discorso durante la cerimonia di benedizione che in passato molte persone erano state benedette «in segreto e continueremo a farlo», ha detto, aggiungendo: «La Chiesa non ha l’autorità di trattenere le benedizioni».

La dichiarazione vaticana, ha scatenato proteste nel mondo cattolico di lingua tedesca. Il contraccolpo ha spinto i vescovi di altri paesi a esprimere il timore che la Chiesa tedesca si stesse dirigendo verso lo scisma. Tra questi il vescovo inglese Philip Egan, il cardinale australiano George Pell e il cardinale italiano Camillo Ruini. Il cardinale Joseph Zen, ex vescovo di Hong Kong, ha aggiunto il suo nome a un appello, lanciato in Portogallo, chiedendo a Roma di agire per fermare uno “scisma” in Germania. Anche i cattolici tedeschi hanno criticato il giorno dei servizi di benedizione esortando i vescovi del Paese a unirsi a Roma di fronte alle proteste.

Diversi vescovi tedeschi si sono precedentemente espressi a favore delle benedizioni per le unioni omosessuali, tra cui il vescovo Georg Bätzing di Limburg, il vescovo Franz-Josef Overbeck di Essen, il vescovo Helmut Dieser di Aquisgrana, il cardinale Reinhard Marx di Monaco e Frisinga, il vescovo Franz-Josef Bode di Osnabrück, Il vescovo Peter Kohlgraf di Magonza e il vescovo Heinrich Timmerevers di Dresda-Meissen. Il vescovo di Essen ha dichiarato in un’intervista il mese scorso che «non sospenderebbe un prete nella sua diocesi né gli imporrà altre sanzioni ecclesiastiche» se il chierico benedisse le coppie dello stesso sesso. La diocesi di Essen ha recentemente ospitato un evento in cui si dichiarava che le benedizioni dello stesso sesso erano una questione di «non se, ma come».

Ma altri vescovi tedeschi hanno accolto con favore l’intervento della Dottrina della fede. Tra loro il cardinale Rainer Maria Woelki di Colonia, l’arcivescovo Stephan Burger di Friburgo, il vescovo Ulrich Neymeyr di Erfurt, il vescovo Gregor Maria Hanke di Eichstätt, il vescovo Wolfgang Ipolt di Görlitz, il vescovo Stefan Oster di Passau e il vescovo Rudolf Voderholzer di Ratisbona. Il vescovo Bätzing, leader della conferenza episcopale tedesca dal 2020, in un’intervista del 6 maggio scorso ha insistito sul fatto che la Chiesa in Germania è rimasta vicino a Roma, nonostante le tensioni sulle benedizioni dello stesso sesso, la comunione per i protestanti e il Cammino sinodale. Ha detto: «È assolutamente chiaro che ci sono questioni che possiamo discutere solo a livello di Chiesa universale. Contribuiremo dalla Germania con le nostre riflessioni». Ha aggiunto: «Tuttavia, vorrei respingere l’accusa ripetutamente usata di essere scismatici o di voler distaccarci come Chiesa nazionale tedesca da Roma. Il nostro legame con Roma e il Santo Padre è molto stretto». Intanto in Germania si procede con i fatti, in discontinuità da Roma. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche