venerdì 27 novembre 2020
  • 0
NEWS 20 ottobre 2020    di Redazione
La fede è il vero scudo che ci protegge in tempi di crisi

L’instabilità è una costante nella vita e anche se non sempre accettiamo questa realtà, quando ci ammaliamo gravemente, o un membro della famiglia muore, o un virus come il COVID-19 ci minaccia, questa verità prende forza. Ci commuoviamo e cerchiamo, con un istinto molto sano, ciò che alla fine ci rende la stabilità. In una ricerca che analizza i dati giornalieri delle ricerche effettuate su Google. in un campione di 95 paesi con accesso a Internet, il professor Jeanet Sinding Bentzen dell’Università di Copenaghen ha rilevato che l’aumento del numero di ricerche riguardanti le parole “preghiera” e “coronavirus” è stato un fenomeno globale.

Le ricerche su Google riflettono una misura dell’interesse delle persone in tempo reale e nel marzo 2020, quando l’OMS ha dichiarato la pandemia, le ricerche di preghiera hanno raggiunto il livello più alto mai registrato, mostrando un aumento significativo che supera di gran lunga anche quello che avviene durante gli eventi religiosi più importanti dell’anno come Natale, Pasqua e Ramadan. Le ricerche sono aumentate nella maggior parte delle regioni, anche in quelle più secolari del nord Europa, dove poche persone cercavano la preghiera prima che si conoscesse l’esistenza del virus. L’interesse si è manifestato in tutti i continenti, in tutte le confessioni religiose, gruppi di reddito e background educativi.

I maggiori aumenti assoluti sono stati in Sud America e Africa, alcune delle regioni più religiose del mondo e a maggioranza cristiane. Un altro fatto da considerare è che l’acquisizione dei dati non è completa, poiché non include molte persone anziane che forse sono meno informate su Internet o non vi hanno accesso. La verità è che l’aumento è evidente e lo studio dice che «non è avvenuto semplicemente come sostituto dei servizi nelle chiese fisiche che chiudevano per limitare la diffusione del virus. L’aumento è dovuto a una crescente domanda di religione: preghiamo per affrontare le avversità».

Tempi difficili come quelli che il mondo sta attraversando provocano il risveglio di una maggiore consapevolezza. Le esperienze forti sono in grado di aprire la mente e il cuore a Dio in cerca di pace interiore, conforto e spiegazione. I risultati rivelano che molte persone in tutto il mondo pregano e cercano un rapporto più stretto con Dio. Più della metà della popolazione mondiale ha pregato per porre fine al coronavirus. E non si tratta solo di supporto, la fede offre un modo per guardare alle esperienze di vita oltre l’immediato per trovare uno scopo più alto, comprendendo che non è una questione di caso. La fede funge da vero scudo che ci protegge in tempi di crisi.

Dal punto di vista cristiano, la fede si basa sulla vulnerabilità umana e in questo c’è una grande forza. Dio stesso, in Cristo, prende su di sé la sofferenza, l’abbandono e la morte stessa. Non c’è niente che possiamo sperimentare che non sia stato sperimentato da Lui, mosso da un amore vivificante per gli amici. Una potente forza di conforto che ci unisce in modo speciale a coloro che amiamo di più nei momenti di dolore. Allo stesso tempo, la fede ha componenti positive che favoriscono il benessere fisico e spirituale generale e il confinamento ha fatto sì che queste risorse raggiungessero molte persone. La trasmissione in streaming della Messa, le meditazioni e le attività virtuali hanno fatto sì che la chiesa passasse dall’essere un’attività domenicale a un’esperienza quotidiana per persone che prima della pandemia dicevano «essere troppo occupate o non trovare il tempo».

Le prove dimostrano che le crisi hanno rafforzato in modo permanente il ruolo della religione nel mondo. Sebbene questo aumento avvenga immediatamente, poco dopo lo scoppio di una tragedia, rimane un “residuo” che si trasmette per anni alle generazioni future, come è accaduto dopo la seconda guerra mondiale e in altri eventi come i disastri naturali. Il fenomeno della tragedia risveglia una coscienza che dà origine a un più profondo senso di Dio. Un invito ad esplorare il mondo interiore, a connettersi con se stessi, tirare fuori il proprio potenziale, aiutare gli altri e abbracciare la vita con più speranza. Solo il tempo mostrerà se lo stesso accadrà con la crisi COVID-19. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: