domenica 27 settembre 2020
  • 0
NEWS 27 aprile 2020    di Redazione
La musica di Marie Miller e la connessione con Santa Teresa

La star della musica country Marie Miller ha sempre sognato in grande. Dalla tenera età di 6 anni, e con il sostegno della sua famiglia, ha avuto la possibilità di sviluppare il suo talento musicale. Descritta come la prossima Taylor Swift, il percorso di Marie sembra riflettere somiglianze con la più famosa pop star.
Miller è nota per i suoi successi I’m Not Alone e 6’2, l’ultimo dei quali è apparso in Dancing with the Stars. Nel 2015, si è esibita per Papa Francesco durante la sua visita negli Stati Uniti. Per 10 anni, la Miller ha lavorato sotto la Curb Records, solo per trovarsi “guidata” piuttosto che essere leader nel suo sviluppo creativo. Marie ha quindi deciso di separarsi dalla sua etichetta nel 2018 e creare il suo primo disco indipendente.

Il National Catholic Register l’ha intervistata una settimana prima del lancio del suo nuovo album, Little Dreams – e il giorno in cui ha dovuto annullare il suo primo concerto a causa dello scoppio del coronavirus. Per Marie, questa nuova sfida nel lancio del suo album è stata un’altra chiamata a «essere coraggiosi». «Gran parte di questo album parla di coraggio», ha spiegato Miller. «Questa è una cosa davvero importante da fare per me. Prima era davvero più facile, permettendo ai miei manager di indirizzarmi su generi, di fare loro le scelte strumentali. Ora, con questo album, mi sento davvero liberata, in un certo senso. Suono il mandolino e la musica bluegrass è alla base del mio suono. Prima, ero “costretta” a lasciare questi elementi messi da parte. Con Little Dreams, sto prendendo molte decisioni da sola. È spaventoso, ma liberatorio».

Il lancio dell’album durante l’epidemia di COVID-19 ha prodotto anche alcune opportunità uniche. «Durante questi tempi difficili, volevo davvero usare la mia arte come fonte di conforto e forza per la nostra comunità mondiale nel sopportare questa pandemia. Stiamo creando un video musicale “quarantena collage” per la mia canzone Brave New Step: le persone inviano foto da tutto il mondo ringraziando gli operatori sanitari che rischiano la vita in prima linea».

Come cattolica, Miller considera la sua fede come informatrice e formatrice della sua musica – ma è stata attenta a sottolineare che come “musicista che è cristiana” ha scoperto che la sua missione è prima di tutto creare musica bella e autentica e non essere legata a nessun genere. Tuttavia, nominare questo nuovo album Little Dreams è stato in parte un tributo a Santa Teresa e alla sua “Piccola Via”, ha spiegato Miller, aggiungendo che i suoi “grandi sogni” a Nashville erano maturati nei “piccoli sogni” di libertà creativa e indipendenza che si basa sulla Provvidenza.

È stato difficile rimanere fedeli alla sua fede in un settore noto per attraversare i confini e influenzare spesso l’oscurità?
«Sì», ha detto Miller al Registro, «può essere difficile essere coraggiosi come cristiani, in generale, oggi. Nel settore, le persone spesso si aspettano che tu faccia, o dica o creda in cose che potrebbero essere in conflitto diretto con la nostra fede. Ma, in definitiva, hai una scelta. Devi rimanere forte».
La sua forza, ha detto, proviene dall’esperienza – alcune esperienze molto difficili – e quelle esperienze hanno portato alla decisione di tornare alle sue “radici autentiche”.

Cosa accadrebbe se qualcuno dicesse: “Non mi piace la tua musica a causa del tuo essere cristiana?”.
«Con questo album, la mia risposta a questa affermazione è finalmente: “Oh, bene”. Ho una canzone, Homeland, che parla di “Buona Battaglia” e di non restare a mio agio. Credo davvero che siamo stati creati per fare grandi cose».
Sebbene conosciuta per i suoi suoni positivi e allegri, Miller ha avvertito che Little Dreams «non è esattamente un album felice. Alcune di queste canzoni sono state ispirate durante i momenti dolorosi della mia vita, come amare qualcuno che non ti ama. Devo dire, però, essere in grado di cantare su ciò di cui voglio cantare è stato così bello. Volevo creare qualcosa che riflettesse in modo così autentico quello che avevo passato quell’anno e per la prima volta avevo la libertà di farlo davvero».
Vuole anche trasmettere speranza attraverso la sua musica. «Ognuno di noi ha una via unica, qualcosa che solo noi possiamo fare per rendere il mondo più bello, più umano, più fraterno».


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: