martedì 07 dicembre 2021
  • 0
NEWS 29 Marzo 2021    di Redazione

Mentre la pandemia continua, il cardinale Dolan chiede di concentrarsi su una cultura della vita

Il cardinale ha diffuso la lettera il 19 marzo, festa di San Giuseppe in cui ha sfidato i cattolici a riflettere sui modi migliori per raggiungere i più vulnerabili, soprattutto perché la pandemia di coronavirus aumenta i tassi di solitudine e suicidio. «Nella nostra tradizione cattolica, San Giuseppe è il santo patrono di una morte felice. Mentre viviamo una seconda Quaresima della pandemia di Coronavirus, so che “felice” non è la parola che assoceremmo alla morte che abbiamo visto intorno a noi. Questo è stato un momento angosciante e doloroso per tutti noi», ha detto il cardinale.

«Sulla scia di tanta morte, è importante per noi invocare san Giuseppe e imitare il suo esempio di coraggio e creatività nel seguire la chiamata di Dio nella sua vita. Abbiamo il dovere speciale di essere come San Giuseppe per coloro che sono sofferenti e vulnerabili nella nostra società e di proclamare il Vangelo della vita in tutto ciò che facciamo!»

Il cardinale Dolan ha riflettuto sulla devastazione del coronavirus e su una «pandemia spirituale» che ha creato una cultura dello scarto. Ha scritto che questo tipo di mentalità – trattare le persone come oggetti di scarto – ha avuto un impatto sui più vulnerabili della società. «Questa mentalità “usa e getta” porta, alla fine, a una cultura della morte disumanizzante, in cui i nascituri, i disabili fisici e mentali e i nostri anziani vengono eliminati attraverso i gravi mali dell’aborto e dell’eutanasia. Non c’è da meravigliarsi che siamo una società sempre più violenta».

Anche prima che il coronavirus colpisse, ha detto, molti stati del paese avevano scelto di legalizzare il suicidio assistito. «L’ultima cosa di cui abbiamo bisogno è una morte ancora più inutile. Con le autorità sanitarie che avvertono di un drammatico aumento del numero di suicidi durante questa pandemia, certamente non abbiamo bisogno di altri suicidi», ha affermato. «Ogni vita umana è sacra e preziosa: ogni persona voluta da Dio, amata da Dio e creata a Sua immagine e somiglianza. Ciò significa che ogni vita merita di essere rispettata, protetta e amata dal “grembo materno alla tomba”».

Dolan ha incoraggiato le persone a riflettere su come i santi avrebbero risposto a questa pandemia e a chiedersi se sono fonte di carità. Ora che la depressione e la solitudine continuano a diffondersi ha sfidato i cattolici a trovare modi per raggiungere i più vulnerabili, non solo attraverso piattaforme virtuali come Zoom. «La risposta a coloro che soffrono non è aiutarli a porre fine alla loro vita. La risposta è compassione, che letteralmente significa “soffrire con”, vedere il volto di Cristo nei volti dei malati, dei disabili e delle persone con problemi mentali», ha scritto. «Soffriamo con chi soffre, piangiamo con chi è in lutto, con chi ha fame e sete di giustizia e santità. Viviamo con semplicità e umiltà, e amiamo con abbandono e generosità, misericordiosi, mentre lavoriamo per la giustizia e la pace nella nostra società».

Il cardinale ha osservato che, oltre ad essere un intercessore speciale per famiglie e rifugiati, San Giuseppe è il santo patrono di una morte felice. Il suicidio non è una morte felice, ma è piuttosto un atto di disperazione e solitudine. Ha sfidato i cattolici a pregare per porre fine al suicidio assistito e fare affidamento sull’intercessione di San Giuseppe. «Come ci ricorda Papa Francesco, “Vai da Giuseppe!” è stato a lungo il grido della Chiesa. Dopo l’anno che abbiamo passato – in quest’ora della morte – dobbiamo andare da Giuseppe più che mai», ha concluso. «Preghiamo per la sua intercessione, soprattutto perché ci ottenga la grazia di essere come lui, di essere giusti, di essere uomini e donne delle Beatitudini – che è la definizione del discepolato cristiano e il cammino spirituale che Giuseppe ha percorso». (Fonte)


Potrebbe interessarti anche