martedì 16 agosto 2022
  • 0
NEWS 26 Giugno 2022    di Don Andrea Rusconi

La predica corta della domenica – Decidere di seguirlo

XIII domenica del Tempo ordinario (Lc 9,51-62)

Gesù non ha tempo da perdere e ce lo mostra subito nel Santo Vangelo di questa tredicesima domenica del tempo ordinario.

Ci ha condotto nella straordinarietà della solennità di Pentecoste, della Santissima Trinità, del Corpus Domini, del Sacro Cuore e del Cuore Immacolato di sua Madre, per formarci alla decisione della Fede che con Lui e in Lui fiorisce.

San Luca narra nel santo vangelo di oggi che “Stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato tolto dal mondo”.

L’Eterno Figlio di Dio ha le ore contate per compiere la Sua missione e sa tutto ciò che deve accadere per “salire in alto”, la Croce, morire per redimerci e radunarci.

Gesù prende la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme, il testo greco dice letteralmente “a muso duro si diresse verso Gerusalemme” e, dopo averci preparato tutto, ci affida la stessa incombenza, sintetizzando la sua missione in noi con Lui e non senza di Lui con tre caratteristiche:

Prima: l’elezione, è Lui che sceglie, la questione è da prendere in modo serio ed è urgente rispondere!

Seconda: la missione ha la caratteristica della pazienza, della misericordia verso chi non è ancora pronto o la rifiuta, chi non accoglie subito non viene distrutto con un fuoco dal cielo, come propongono Giacomo e Giovanni, ma viene atteso, verrà richiamato, attraverso la missione dei discepoli.

Terza, ed ultima caratteristica della missione del Signore e di coloro che lo seguono fedelmente e realmente, è quella solitudine che costringe ad arrendersi di fronte al fatto che non tutti capiscono quello che tu vuoi comunicare loro: «Il figlio dell’ uomo non ha dove posare il capo». Il cristiano non trova riposo nel consenso degli altri, ma solo nel Signore e nella comunione con coloro che trovano riposo in Lui.

Chi è solo con il Signore, poi, generalmente non rimane solo perché la sua umanità brilla di una luce sconosciuta alle forze umane, che è la luce di Cristo.

La nostra missione consiste allora nel vivere la Compagnia con il Signore, nella solitudine con Lui per condurre altri a Lui: imploriamo con la faccia a terra al Signore che ci accompagni sempre con una sua Presenza nel tempo della vita che è stato affidato alla nostra libertà, quella di decidere. Amen


Potrebbe interessarti anche