mercoledì 28 febbraio 2024
  • 0
La propaganda del PCC nei luoghi di culto in Cina
NEWS 8 Agosto 2023    di Manuela Antonacci

La propaganda del PCC nei luoghi di culto in Cina

Dal 1° settembre, a Pechino, entreranno in vigore 76 nuove Misure finalizzate a rafforzare il controllo del governo cinese sulle attività religiose. Si tratta di un ulteriore giro di vite che ha lo scopo reprimere il “sottobosco” delle organizzazioni religiose riluttanti a farsi risucchiare dal “mercato rosso” delle religioni ufficiali in Cina,ovvero le cinque associazioni permesse dal PCC, il quale ne nomina pure i responsabili: l’associazione buddista, l’associazione taoista, l’associazione musulmana, l’associazione protestante (la Chiesa delle Tre Autonomie) e l’associazione cattolica (l’Associazione patriottica cattolica cinese)

Di più, le nuove Misure convertiranno i luoghi di culto in veri e propri rami del sistema di propaganda del PCC, come riporta Bitter Winter. Infatti, queste Disposizioni sostituiscono quelle del 2005 e confermano che i luoghi in cui si svolgono le attività religiose(monasteri, templi, moschee e chiese) dovranno trasmettere attivamente la propaganda del PCC, altrimenti rischieranno la liquidazione. Sono state stabilite disposizioni più severe per includere contenuti di propaganda addirittura nei sermoni e per creare gruppi di studio che si formino sui documenti del PCC in tutti i luoghi di culto. Viene inoltre sottolineato che «è vietato costruire grandi statue religiose all’aperto al di fuori di templi e chiese» e il divieto vale anche per privati ​​cittadini o donatori.

Di fatto tutto questo si configura come l’ennesimo tentativo di uniformare il credo dei cittadini alla propaganda di Stato, anche se nell’ Articolo 1 si ha il coraggio di affermare «Queste misure sono formulate […] per proteggere le normali attività religiose e salvaguardare i diritti e gli interessi legittimi dei luoghi di culto e dei cittadini credenti». Lo spirito liberticida che pervade queste norme emerge bene dall’Articolo 3, in cui si legge «I luoghi in cui si svolgono le attività religiose devono sostenere la leadership del PCC e del sistema socialista, attuare completamente l’ideologia del socialismo di Xi Jinping con caratteristiche cinesi per la nuova era, rispettare la Costituzione, le leggi, le norme e i regolamenti ele disposizioni pertinenti la gestione degli affari religiosi, praticare i valori fondamentali del socialismo, aderire alla direzione della sinicizzazione delle religioni cinesi, aderire al principio di indipendenza, autonomia e autosufficienza e salvaguardare l’unità del paese, l’unità nazionale, l’armonia religiosa e la stabilità sociale».

Ovviamente anche gli insegnanti di religione dovranno adeguarsi all’ideologia del Partito: nell’ Articolo 6 si legge che nei luoghi di culto «vi è un insegnante di religione che deve presiedere alle attività religiose in conformità con le norme e i regolamenti del gruppo religioso nazionale». Dopo aver stabilito a chiare lettere, nelle prime disposizioni, il totale subordinamento delle attività religiose al regime di Pechino, nelle norme successive, vengono fornite una serie di indicazioni burocratiche minuziose riguardo i luoghi di culto: all’ Articolo 66 si specifica, ad esempio, che «il Dipartimento degli affari religiosi deve supervisionare e ispezionare i luoghi in cui si volgono le attività religiose in termini di conformità alle leggi».

Insomma, l’ennesimo sistema creato ad hoc che costringa le comunità religiose a far passare tutte le loro iniziative al vaglio del regime di Pechino. Un sistema di cui il Dipartimento per gli affari religiosi rappresenta la longa manus con il suo controllo continuo, fatto passare per “assistenza e supervisione”. In soldoni, non c’è scampo per chi non si adegui al regime. Anzi questo forse rappresenta il vero e proprio colpo di grazia alla libertà religiosa in Cina.

(Fonte foto: ricerca immagini Bing licenza libera)


Potrebbe interessarti anche