sabato 08 maggio 2021
  • 0
NEWS 12 marzo 2021    di Redazione

L’agenda transgender di Biden incontra i primi ostacoli

Il Vulnerable Child Compassion and Protection Act, promosso dal sen. Shay Shelnutt si sposterà alla Camera dei Rappresentanti dell’Alabama, dove un comitato ha già approvato un testo quasi identico: «I bambini non sono abbastanza maturi per prendere queste decisioni su interventi chirurgici e farmaci. Il punto è proteggere i bambini», ha detto Shelnutt. «La maggior parte di questi bambini che attraversano la disforia di genere ne esce fuori», ha aggiunto, «quindi perché dovresti raccomandare un farmaco o un intervento chirurgico irreversibile o che può avere conseguenze dannose? È solo questione di buon senso, ma a volte il buon senso non viene seguito».

L’approvazione del disegno di legge riflette una più ampia opposizione da parte dei singoli stati contro l’agenda transgender in cima alla lista delle priorità di Joe Biden e della sua amministrazione. Poche ore dopo aver preso l’incarico, il presidente americano ha infatti firmato un ordine esecutivo che permetteva a uomini e donne di prendere parte a sport e di usare servizi igienici e spogliatoi in base a come ” si identificano”, piuttosto che secondo la loro biologia. Il suo sesto giorno di mandato, Biden ha revocato il divieto alle persone che si identificano come transgender di prestare servizio nell’esercito. Il decimo giorno, il suo Segretario di Stato Antony Blinken annunciò che stava alzando bandiere del “pride” nelle ambasciate statunitensi di tutto il mondo. Il quindicesimo giorno la Casa Bianca ha pubblicato un memorandum sull’avanzamento dei diritti umani di lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer e intersessuali in tutto il mondo in cui minaccia di utilizzare «l’intera gamma di strumenti di assistenza diplomatica» tra cui sanzioni finanziarie e restrizioni sui visti contro i paesi in cui le restrizioni significano un «clima di intolleranza» per i transessuali. Mentre un segmento della società statunitense ha celebrato la coscienza “LGBTQI” di Biden come una vittoria dei “diritti”, l’attenzione dal resto del paese si è rivolta all’imposizione dall’alto verso il basso dell’ideologia di genere e sulle conseguenza nello sport se ragazze e donne sono costrette a competere contro atleti che sono nati maschi.

I legislatori hanno introdotto una serie di disegni di legge, come il disegno di legge del Mississippi per vietare agli atleti transgender di partecipare a sport del sesso biologico opposto, che è stato approvato alla Camera il 3 marzo. Dopo essere stato approvato anche al Senato, il disegno di legge ora si dirige verso il governatore repubblicano Tate Reeves per l’approvazione. E lunedì il governatore del South Dakota Kristi Noem ha detto che avrebbe firmato un disegno di legge che limitava le squadre femminili e lo sport nelle scuole pubbliche agli studenti biologicamente femminili dopo che il Senato ha approvato un disegno di legge a riguardo. Il governatore Reeves, il mese scorso ha dichiarato in un post su Facebook di essere rimasto deluso dalle azioni di Biden che costringono giovani ragazze, come le sue figlie, a competere con maschi biologici per l’accesso all’atletica. La scorsa settimana alcuni avvocati si sono rivolti alla Corte d’Appello del Quinto Circuito degli Stati Uniti contro i mandati federali che avrebbero violato i diritti di coscienza e che costringono ospedali e medici a eseguire interventi chirurgici di transizione di genere, anche su minori, contro la loro impostazione confessionale.

Gli effetti delle medicine e dei trattamenti chirurgici su migliaia di bambini statunitensi, che sono alla mercé in una cultura che promuove l’ambiguità di genere, sono stati in gran parte ignorati quest’anno fino a quando il senatore Rand Paul ha posto al centro della scena la questione dei bloccanti della pubertà e delle mutilazioni genitali dei minori transgender durante un’audizione di conferma del candidato di Biden come assistente segretario alla salute, Rachel Levine, un uomo biologico che si considera una donna. «Dr. Levine, lei ha sostenuto sia il permesso ai minori di ricevere bloccanti ormonali per impedire loro di passare attraverso la pubertà, sia la rimozione chirurgica dei genitali di un minore», ha detto Paul. «Crede che i minori siano in grado di prendere una decisione che cambi la propria vita definitivamente come cambiare il proprio sesso?». Levine ha ripetutamente eluso la domanda di Paul, affermando che la medicina transgender è un «campo molto complesso e sfumato». «Quello che mi allarma è che non è disposto a dire che, assolutamente, i minori non dovrebbero prendere decisioni per amputare il seno o amputare i loro genitali… o prendere ormoni che li influenzeranno per il resto della loro vita», ha concluso Paul. Il senatore ha anche sottolineato che i farmaci somministrati ai bambini per alterare la loro sessualità non sono approvati dalla Food and Drug Administration a tale scopo. «Trovo ironico che la sinistra che è impazzita per l’idrossiclorochina utilizzata per il Covid, non sia allarmata dal fatto che questi farmaci vengano usati off-label», ha detto.

Esiste un corpo sostanzioso di prove sugli effetti negativi a breve termine che tali farmaci possono avere. Normalmente prescritti per il cancro alla prostata e il dolore uterino, essi riducono drasticamente gli ormoni legati allo sviluppo sessuale e sono stati collegati ad effetti collaterali che vanno dalle ossa fragili, ai dolori articolari, ai disturbi del sangue e a problemi di salute mentale tra cui depressione, memoria compromessa e QI abbassato. Uno studio del 2016 ha scoperto che le ragazze trattate con bloccanti della pubertà avevano un punteggio QI inferiore di otto punti rispetto al gruppo di controllo che non ha ricevuto il trattamento. Le ricerche sugli effetti a lungo termine dei farmaci che bloccano la pubertà sono molto scarse. Uno studio del 2018 sui rischi a lungo termine dei bloccanti della pubertà da parte dei ricercatori del Boston Children’s Hospital ha scoperto che mentre gli effetti collaterali dei farmaci sono «pubblicizzati per risolversi tre-sei mesi dopo l’interruzione del trattamento», in realtà, «la maggior parte dei soggetti ha riportato effetti collaterali a lungo termine… mentre quasi un terzo ha riportato effetti collaterali irreversibili che sono persistiti per anni dopo l’interruzione del trattamento». (Fonte)

 

 


Potrebbe interessarti anche