sabato 28 gennaio 2023
  • 0
NEWS 5 Dicembre 2022    di Redazione

Le armi all’Ucraina nelle mani del terrorismo internazionale

Il presidente nigeriano Muhammadu Buhari ha affermato che la guerra tra Russia e Ucraina sta permettendo alle armi e ai combattenti di entrare nella regione del lago Ciad, rafforzando i gruppi terroristici. Il leader nigeriano ha parlato martedì ad Abuja al 16° vertice dei capi di Stato e di governo della Commissione per il bacino del lago Ciad (LCBC). Buhari ha chiesto maggiore vigilanza e cooperazione tra le sei nazioni membri della commissione contro la proliferazione di armi nel bacino del lago Ciad. Ha detto che le armi destinate alla guerra in Ucraina e alla lotta al terrorismo nel Sahel non di rado vengono deviate verso l’Africa occidentale e finiscono nelle mani di gruppi terroristici.

Anche se il presidente Buhari non ha nominato i gruppi terroristici che stavano usando le armi contrabbandate dall’Ucraina, il riferimento a Boko Haram è ovvio. Storicamente, l’Ucraina è un fornitore chiave di armi per le nazioni dell’Africa sub-sahariana. «Il gruppo terroristico radicale sunnita Boko Haram in Nigeria si considera lo Stato islamico (IS) in Ciad e Niger ed è un affiliato dichiarato che ha annunciato un “bayah” (giuramento di fedeltà) allo Stato islamico in Iraq e Siria (ISIS)».

Le ambasciate russe e ucraine ad Abuja non hanno risposto alle sue dichiarazioni. Il presidente della Partnership Against Violent Extremism, Jaye Gaskia, concorda che la guerra in Ucraina è una minaccia per la sicurezza nella regione africana: «Più a lungo continua questa guerra, più si apre a tutti i modi di gruppi di essere impigliati con essa, se non direttamente attraverso la finanza e i finanziamenti, attraverso la costruzione della solidarietà e il resto, più diventa una possibilità, più i gruppi ribelli nel Sahel iniziano a trovare il teatro della guerra in Ucraina come una vera fonte».

Buhari ha affermato che le forze multinazionali stanno pianificando nuove operazioni nella regione, ma ha osservato che le operazioni militari devono essere sostenute da uno sviluppo sostenibile. Tuttavia, la commissione è stata colpita da una crisi finanziaria e quasi tutti i suoi membri lottano per soddisfare gli obblighi annuali per i programmi di intervento. Il contributo della Nigeria al patto è diminuito da circa 2,4 milioni di dollari nel 2017 a 35.000 dollari nel 2021.Più di 30 milioni di persone nel bacino del lago Ciad sono colpite dai combattimenti e dagli impatti del cambiamento climatico.

Questa settimana, il ministro delle risorse idriche della Nigeria Suleiman Adamu, che è anche presidente del consiglio dei ministri della commissione, ha chiesto un maggiore sostegno. «Purtroppo, la commissione ha dovuto affrontare una crisi finanziaria a causa del mancato pagamento dei contributi finanziari e degli arretrati dei contributi in linea con i bilanci approvati. C’è un urgente bisogno di affrontare e affrontare questa persistente sfida per garantire che il segretariato esecutivo adempia al suo mandato, in particolare nell’attuazione del programma di sviluppo di emergenza del bacino del lago Ciad. Vorrei cogliere l’occasione per incoraggiare tutti voi a esaminare urgentemente questa questione cruciale e svolgere la necessaria difesa nei vostri rispettivi Paesi», ha detto Adamu.

L’analista della sicurezza Patrick Agbambu incolpa la recessione economica globale per i problemi finanziari e dice che avrà conseguenze sulla lotta contro il terrorismo. «I Paesi di tutto il mondo stanno attualmente vivendo una recessione finanziaria, la regione non è esentata. Anche la Nigeria in particolare la sta vivendo e influenzerà l’intensità dell’esecuzione della guerra», ha detto. Gaskia ha affermato che la guerra Russia-Ucraina sta spostando le priorità dei Paesi. «Con la guerra, che ha anche aggravato la crisi del costo della vita, significa quindi anche che il finanziamento e il finanziamento devono essere spostati ad altri bisogni più immediati e questo probabilmente andrà avanti per un altro anno o due».  (Fonte) (Fonte)

ABBONATI ALLA RIVISTA!


Potrebbe interessarti anche