martedì 20 ottobre 2020
  • 0
NEWS 3 luglio 2017    
«Li porti al cardinale». Il benefattore misterioso che a Milano ha dato 90mila euro per il fondo famiglia

di Giampiero Rossi, dal Corriere della Sera del 30 giugno:

 

«Entra in Duomo, consegna una donazione di 90 mila euro per il Fondo famiglia e lavoro della curia e sparisce. Non si sa praticamente nulla dell’anonimo benefattore, ma da giorni, tra arcivescovado e dintorni, il racconto dell’episodio si perpetua, arricchendosi di particolari veri o presunti, di sfumature più o meno verificate. Di sicuro si sa che tutto quanto è accaduto lunedì scorso. Un uomo entra in Duomo, percorre l’intera navata mescolato a turisti e fedeli, e si dirige verso la sacrestia. Evidentemente sa muoversi, all’interno della cattedrale e sa a chi rivolgersi. Nella penombra, infatti, individua l’arciprete del Duomo monsignor Gianantonio Borgonovo. Lo ferma, lo saluta e poi gli consegna una busta. “La faccia avere al cardinale Scola” dice. E lo ripete, vuole essere sicuro che sarà consegnata proprio all’arcivescovo di Milano. Questione di pochi secondi. Quindi si allontana sussurrando qualcosa come “sono soldi miei” e lasciando nelle mani di monsignor Borgonovo una busta spiegazzata, palesemente riciclata, di quelle con la finestrella trasparente che permette di leggere il destinatario, ma senza alcuna scritta. Bianca e anonima.

La sacrestia del Duomo e gli uffici dell’arcivescovado sono separati soltanto dalla larghezza di via Cardinale Martini e collegati anche attraverso un passaggio sotterraneo. Questione di pochi minuti e, in effetti, la missiva consegnata dallo sconosciuto viene recapitata a monsignor Luciano Capra, segretario del cardinale Scola. È poi l’arcivescovo in persona ad aprire la busta e a fare la sorprendente scoperta: all’interno non c’è alcuna lettera, soltanto un assegno circolare da 90 mila euro. Non c’è il nome del donatore ma c’è quello del destinatario: il Fondo famiglia e lavoro, istituito per dare un aiuto alle famiglie in difficoltà. “La nostra gente è generosa”, esclama a caldo il cardinale ancora con l’assegno in mano. Chiede notizie sul misterioso benefattore, ma non ci sono che pochi frammenti di racconto. Di certo c’è soltanto che quei 90 mila euro alimenteranno il Fondo che in poco più di un anno ha raggiunto una dotazione di 2.094.000 euro. Un milione di contributo dalla Fondazione Cariplo, 200 mila euro donati dalla diocesi attingendo ai fondi dell’8 per mille, il resto dalle donazioni dei privati cittadini e delle parrocchie [...]».

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: