giovedì 24 settembre 2020
  • 0
NEWS 23 aprile 2019    di Raffaella Frullone
L’Occidente all’Obama uccide una seconda volta i cristiani dello Sri Lanka

Mentre ancora si stava facendo la tragica e provvisoria conta dei danni della strage di domenica, una nuova esplosione ha colpito al cuore lo Sri Lanka portando il bilancio delle vittime a circa 300 persone e quello dei feriti ad almeno 500. Quella di ieri si aggiunge alle sei esplosioni simultanee che si sono verificate durante la mattinata di Pasqua in chiese e hotel della capitale Colombo e della città di Negombo. Un’azione militare, coordinata, chirurgica: prima è stata colpita la chiesa di Sant’Antonio di Padova a Kochchikade, poi quella di San Sebastiano a Negombo, poi quella evangelica di Sion; è stata poi la volta di tre hotel a cinque stelle gremiti di turisti occidentali nell’ora di colazione, e infine l’esplosione di ieri, di nuovo nei pressi di una chiesa, mentre la polizia ha rinvenuto 87 detonatori.

Le indagini sono tuttora in corso, ma il copione potrebbe facilmente far pensare alla violenza di gruppi jihadisti: si parla del gruppo locale National Thowheed Jamath appoggiato da una rete internazionale, ma per avere la conferma bisognerà attendere almeno l’esito degli interrogatori delle 24 persone che sono state arrestate, mentre ancora manca una rivendicazione ufficiale per quanto accaduto in un Paese dove anche la maggioranza buddhista è ostile ai cristiani e non  ha mancato di manifestarlo. Già, cristiani, e qui veniamo alla violenza di matrice certa, quella relativista, tutta occidentale.

Commentando la strage di Pasqua, infatti, l’ex presidente americano Barack Obama arriva a non nominare i cristiani e scrive così: «Gli attacchi ai turisti e ai devoti della Pasqua nello Sri Lanka sono un attacco all’umanità. In una giornata dedicata all’amore, alla redenzione e al rinnovamento, preghiamo per le vittime e stiamo con la gente dello Sri Lanka».

 

Gli fa eco Hillary Clinton, che scrive: «In questo santo fine settimana per molte fedi, dobbiamo stare uniti contro l’odio e la violenza. Prego per tutti coloro che sono stati colpiti dagli orribili attacchi di oggi ai devoti della Pasqua e ai viaggiatori nello Sri Lanka».

 

«Easter worshippers», hanno scritto, devoti della Pasqua,  fedeli della Pasqua, come se i morti fossero gli aficionados di un evento come un altro, come se la parola cristiani non fosse da pronunciare, come se Cristo stesso fosse da lasciare a tutti i costi fuori da ogni tipo di narrazione, persino nel giorno della Resurrezione, ridotto a una generica «giornata dell’amore, della redenzione, del rinnovamento». Eppure nel caso degli attentati alle moschee avvenuti in Nuova Zelanda i leader democratici del Paese più potente del mondo avevano twittato la loro solidarietà alla «comunità musulmana», non più genericamente ai «frequentatori delle moschee».

L’Occidente evoluto e progressista uccide i cristiani dello Sri Lanka una seconda volta quando nega che oggi, Anno Domini 2019, si muoia ancora per quel Gesù messo in croce duemila anni fa, e che ancora oggi risorge grazie al sangue versato dai Suoi martiri che continuano a rendergli testimonianza. Possa la nostra indifferenza non farsi complice.


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: