lunedì 28 novembre 2022
  • 0
NEWS 4 Novembre 2022    di Redazione

«L’Occidente parla di “islamofobia”, ma a noi tocca la violenza islamista»

Prima di un raduno di leader religiosi in Indonesia, il Paese a maggioranza musulmana più popoloso del mondo, l’arcivescovo cattolico caldeo di Erbil, in Iraq, Bashar Matti Warda ha reso conto di come il suo Paese fosse diventato un «calderone di violenza» per mano di estremisti islamisti. Rivolgendosi al Forum religioso del G20 a Bali del 2-3 novembre prima della riunione del Gruppo dei 20 alla fine di questo mese, nel suo discorso ha dipinto un quadro pessimistico dell’Iraq data la lunga storia di violenza del Paese a maggioranza musulmana.

«In tutto il mondo islamico, la realtà della violenza strutturata, della persecuzione e dell’emarginazione contro le minoranze rimane, secolo dopo secolo», ha riferito.  Secondo un rapporto dell’organizzazione non governativa Open Doors, 4.650 cristiani sono stati uccisi in Nigeria nel 2021, ovvero più del numero di morti in tutti gli altri Paesi del mondo messi insieme. «Ogni giorno, persistono notizie di rapimenti, rapine a mano armata, rapimenti per riscatto, omicidi e omicidi dei nostri cittadini innocenti. “I nostri spazi sacri sono diventati terreni di sterminio”», ha detto il vescovo.

Parole forti di testimonianza hanno ben rappresentato la situazione dei cristiani perseguitati. L’arcivescovo Warda ha attinto alla sua esperienza personale, alla sofferenza dei cristiani iracheni e alla storia della sua patria per presentare a tutti la necessità di «perdono e una rinuncia alla violenza». Il Forum religioso R20 è organizzato da Nahdlatul Ulama, il più grande movimento musulmano del mondo che conta circa 90 milioni di membri. Il loro leader, lo sceicco Yahya Cholil Staquf, ha incontrato papa Francesco nel 2019 per ricercare un futuro più pacifico e una maggiore fraternità.

L’arcivescovo Warda ha ringraziato Staquf per aver permesso di far prosperare un luogo di discussione e ha citato le parole dello sceicco musulmano in cui qualsiasi dottrina islamica di inimicizia viene definita «irragionevole» e una barriera per «vivere armoniosamente e pacificamente all’interno delle società multiculturali e multireligiose del XXI secolo». Nel suo discorso in diretta streaming, il leader cattolico ha chiesto una «discussione onesta sul ciclo primordiale di odio, supremazia e violenza che ha afflitto l’umanità da prima dell’alba della storia».

Warda si è poi rivolto alle forze politiche senza mezzi termini, smascherando il perbenismo di cui sono infarciti molti dei discorsi sulla pace e chiedendo di affrontare la questione «apertamente e onestamente»: «Il dolore e il conflitto ci trasformano. Non c’è spazio per una diplomazia vuota, dissimulazione, doppio linguaggio, agende nascoste e le buone maniere che mascherano la realtà. Coloro che erano feroci nemici devono parlare dalla cruda e chiara verità. […] Le radici di alcuni degli «orrori unici degli ultimi decenni» non erano solo religiosi ma anche geopolitici. […] Presentare questa questione al pubblico occidentale o globale significa prendersi un’accusa di “islamofobia”, principalmente da parte dei critici sociali che parlano teoricamente da luoghi lontani da qualsiasi minaccia o esperienza reale. Ma per noi cristiani iracheni questa non è una questione astratta».

«E mentre sono personalmente convinto che il mondo della fede alla fine prevarrà», ha concluso Warda, «non può farlo quando il volto costante del nostro mondo di fede è uno di violenza contro l’altro, o anche contro noi stessi […] Chiediamo a coloro che saranno riuniti nel prossimo vertice del G20, coloro che continuano ad avere accesso a plasmare la politica per il mondo, di ricordare quotidianamente che le vostre decisioni di pianificazione globale hanno conseguenze sulla vita o sulla morte per le persone che vivono all’esterno» (Fonte foto: pagina Facebook SOS Cristiani in Siria).

Abbonati alla rivista!


Potrebbe interessarti anche