lunedì 27 settembre 2021
  • 0
NEWS 17 agosto 2016    

Lussemburgo, lo stile dell’Annuncio. Se i sacerdoti vestono come consulenti finanziari

Nella foto, monsignor Leo Wagener, vicario generale dell'arcidiocesi di Lussemburgo

 

Giovanni Paolo II, lettera al cardinale vicario di Roma Ugo Poletti, 8 settembre 1982

«[...] Inviati da Cristo per l'annuncio del Vangelo, abbiamo un messaggio da trasmettere, che si esprime sia con le parole, sia anche con i segni esterni, soprattutto nel mondo odierno che si mostra così sensibile al linguaggio delle immagini. L'abito ecclesiastico, come quello religioso, ha un particolare significato: per il sacerdote diocesano esso ha principalmente il carattere di segno, che lo distingue dall'ambiente secolare nel quale vive; per il religioso e per la religiosa esso esprime anche il carattere di consacrazione e mette in evidenza il fine escatologico della vita religiosa. L'abito, pertanto, giova ai fini dell'evangelizzazione ed induce a riflettere sulle realtà che noi rappresentiamo nel mondo e sul primato dei valori spirituali che noi affermiamo nell'esistenza dell'uomo. Per mezzo di tale segno, è reso agli altri più facile arrivare al Mistero, di cui siamo portatori, a Colui al quale apparteniamo e che con tutto il nostro essere vogliamo annunciare [...]».