giovedì 01 dicembre 2022
  • 0
NEWS 18 Marzo 2022    di Manuela Antonacci

Manifestazione per la Vita: «è urgente e necessario scegliere la vita»

Novanta tra enti e associazioni aderiranno, in tutta Italia, alla Manifestazione “Scegliamo la Vita”, che si terrà il 21 maggio, a Roma. L’evento è stato presentato il 17 marzo, a Roma, presso la sede della Stampa Estera, dai portavoce dell’iniziativa, Maria Rachele Ruiu e Massimo Gandolfini.

«Noi consideriamo questo evento fondamentale, vorrei fare, però, una precisazione – ha esordito Massimo Gandolfini – oggi non si dovrebbe nemmeno parlare di dono della vita o di scegliere la vita, perché in una società civile è la vita il bene fondamentale da tutelare e il diritto fondamentale di ogni essere umano». Gandolfini ha spiegato che la manifestazione vuol essere un inno alla vita, dal concepimento alla morte naturale e vuol essere la chiara dimostrazione, per le vie della città e agli occhi della gente, che non esiste nessuno che rappresenti uno scarto, nella società. Dunque un’azione visibile di contrasto alla cultura dello scarto. Tant’è che la prima edizione dell’evento contesterà apertamente la deriva eutanasica pericolosamente introdotta nella nostra società, dal ddl Bazoli sul suicidio assistito che gli organizzatori della Manifestazione si augurano apertamente, venga decisamente bocciato o completamente rivisto.

«Stiamo vivendo un attacco molto forte, anche sotto il profilo economico, in cui, però, la famiglia ha dimostrato di essere un ottimo ammortizzatore sociale. […] A questo clima e di fronte a questo tempo di sfiducia morale in cui siamo immersi, sentiamo l’esigenza di dire che è urgente e necessario scegliere la vita, anche quella fragile, conviene sposarsi, conviene riconcorrere i sogni, vogliamo proporre argomenti per cui conviene scommettere sulla vita» – ha sottolineato Maria Rachele Ruiu (membro del direttivo di Pro Vita & Famiglia e portavoce della Manifestazione). Uno spirito, insomma, che mira a promuovere una visione positiva dell’esistenza, in barba ai tutti i venti di morte che continuano a soffiare da un po’ di tempo a questa parte, sulla nostra nazione e non solo.

Come si è ripetuto più volte, in un clima che vuol essere totalmente propositivo e non severamente giudicante, si tratterà di una manifestazione non contro qualcuno, tanto meno contro le donne, prime alleate della vita nascente, ma “a favore di”.

Non solo buoni propositi e bei sentimenti, comunque, ma anche richieste concrete, muovono l’iniziativa: «Pro Vita & Famiglia chiede alle istituzioni dello Stato, alle amministrazioni locali, ai partiti, alle imprese private e a tutti gli enti sociali di collaborare per rendere l’Italia una Nazione in cui la vita umana, in ogni sua manifestazione, sia sempre più accolta, promossa e tutelata», ha chiarito Antonio Brandi, presidente di Pro Vita & Famiglia.

Insomma, un evento in cui il popolo della vita che non ha mai spazio nei media ufficiali, finalmente prende voce e lo fa a gran voce per le strade della capitale, insieme agli oltre 90 enti e associazioni che ne sostengono le istanze.


Potrebbe interessarti anche