domenica 23 giugno 2024
  • 0
Mons. Cavina: «Papa Benedetto ci ha lasciato, ma è ancora di più con noi»
NEWS 31 Dicembre 2022    di Francesco Cavina

Mons. Cavina: «Papa Benedetto ci ha lasciato, ma è ancora di più con noi»

Il nostro pensiero grato e riconoscente va oggi al caro e amato Papa Benedetto XVI che, dopo una straordinaria esistenza terrena, il Signore lo ha chiamato a ricevere il premio riservato ai suoi servi fedeli, buoni e saggi. Siamo addolorati e tristi per avere perso un tenero padre ed una guida sicura qui in terra. Tuttavia, non ci sentiamo soli perché Egli continuerà ad essere presente con il suo straordinario ed inarrivabile pensiero teologico, che ha al suo centro Cristo, cuore del mondo e principio e fine della realtà. Inoltre, partecipando alla solenne e festosa liturgia del cielo continuerà ad intercedere per la Chiesa, da lui amata e servita con l’unico ardente desiderio di fare vedere il Volto amato del suo Signore.

In quest’ora dolorosa per tutta la Chiesa e per le tante persone di buona volontà, mi piace riportare quanto disse un anno fa in merito alla sua morte. Poche parole che esaltano la bellezza della fede, confessano l’amicizia di Cristo, testimoniano la sua speranza: Disse: «In vista dell’ora del giudizio mi diviene così chiara la grazia dell’essere cristiano. L’essere cristiano mi dona la conoscenza, di più, l’amicizia con il giudice della mia vita e mi consente di attraversare con fiducia la porta oscura della morte».

Caro Papa Benedetto, il tuo sorriso mite e riservato, quando sei giunto davanti al Signore, sarà diventato un sorriso aperto che avrà illuminato il tuo volto, perché finalmente ti sei sentito definitamente amato da Colui che è stato il “Desiderato” di tutta la tua vita.

Raccogliamo l’invito e la testimonianza di Papa Benedetto a vivere l’amicizia di Gesù, il Dio che si è fatto bambino per noi! Con l’amicizia di Cristo tutto è possibile; con l’amicizia di Cristo tutto si riveste di una straordinaria luce di senso e di bellezza; con l’amicizia di Cristo tutto, anche la porta oscura della morte può essere affrontata con fiducia perchè essa, come credeva Papa Benedetto non è “per una fine, ma per un Incontro”!

*Vescovo emerito di Carpi

(Credit immagine: Antonella Beccaria)