mercoledì 28 settembre 2022
  • 0
NEWS 26 Luglio 2022    di Federica Di Vito

Nessun resto di tombe dalle scuole residenziali in Canada

Il viaggio di papa Francesco in Canada ha come tema la “guarigione e riconciliazione” verso i popoli indigeni. Il suo intento è anche quello di scusarsi personalmente con i diretti interessati per il ruolo della Chiesa nello scandalo che ha colpito la Kamloops Residential School, in British Columbia, aperta dalla Chiesa cattolica nel 1890.

Dalla fine del 1800 agli anni Novanta, il governo canadese ha inviato circa 150.000 bambini indigeni sottratti alle famiglie in 139 scuole residenziali gestite dalla Chiesa dove è stato proibito loro di parlare la loro lingua madre. La notizia del 27 maggio 2021 ha diffuso lo scandalo alla Kamloops dove migliaia di bambini sono morti per malattie, malnutrizione o abbandono e dove sarebbero state scoperte tombe anonime contenenti resti di bambini indigeni.

Più di un anno dopo, nessun corpo è stato scoperto nel sito di Kamloops. Non è chiaro se le tombe che si dice siano state scoperte lì esistano effettivamente. Il tema delle scuole è tornato al centro dell’attenzione in occasione del viaggio penitenziale di papa Francesco in Canada che ha deplorato la «distruzione culturale e l’assimilazione forzata» inflitta alle popolazioni indigene del Paese e ha chiesto come «punto di partenza una seria indagine sui fatti accaduti in passato e di aiutare i sopravvissuti delle scuole residenziali a verso la guarigione dai traumi che hanno subito».

Ciò che fa discutere è il modo in cui sono stati scoperti i presunti luoghi di sepoltura. Il radar a penetrazione del suolo ha raccolto immagini, ma è ancora da determinare se quelle immagini rappresentino effettivamente delle tombe. Dopo più di un anno si può affermare che i risultati dei test radar sono stati “preliminari”, ma i media e i politici hanno presto raccontato che sono state ritrovate delle fosse comuni nel sito di un’ex scuola residenziale.

«Lo scorso fine settimana, con l’aiuto di uno specialista di radar a penetrazione del suolo, è venuta alla luce la cruda verità dei risultati preliminari: la conferma dei resti di 215 bambini che erano studenti della Kamloops Indian Residential School», ha detto Rosanne Casimir, a capo della comunità di Tk’emlúps te Secwépemc«Resti di 215 bambini trovati nell’ex scuola residenziale di Kamloops: First Nation» si legge in un titolo del Vancouver Sun. L’Associated Press quella settimana ha fatto apparire i risultati radar definitivi: «I resti di 215 bambini, alcuni di appena 3 anni, sono stati trovati sepolti sul sito di quella che un tempo era la più grande scuola residenziale indigena del Canada, una delle istituzioni che teneva bambini presi da famiglie in tutta la nazione».

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha fatto eco il giorno dopo l’annuncio dei risultati della ricerca: «La notizia che i resti sono stati trovati nell’ex scuola residenziale di Kamloops mi spezza il cuore: è un doloroso ricordo di quel capitolo oscuro e vergognoso della storia del nostro Paese. Penso a tutti coloro che sono stati colpiti da questa angosciante notizia. Siamo qui per voi». Nel suo rapporto su quella che ha definito la «scoperta macabra», il New York Post ha descritto il luogo di sepoltura con queste parole: «Una fossa comune piena dei resti di 215 bambini indigeni, alcuni di appena tre anni, è stata trovata sul terreno di un’ex scuola residenziale in Canada nota per abusi fisici, psicologici e sessuali».

Jacques Rouillard, professore emerito presso il Dipartimento di Storia dell’Università di Montreal, ha espresso dei dubbi sulla validità delle prove. Il radar a penetrazione del suolo potrebbe aver rilevato qualcosa, ma non necessariamente cimiteri, ha suggerito in un articolo per la Dorchester Review. «Non facendo mai notare che si tratta solo di speculazione o di potenzialità, e che non sono stati ancora trovati resti, governi e media stanno semplicemente dando credito a quella che è davvero una tesi: la tesi della ‘scomparsa’ dei bambini da scuole residenziali», ha scritto.

Il professore ha notato che Sarah Beaulieu, l’antropologa che ha eseguito i test radar iniziali, ha cercato di frenare lo tsunami dei media in una conferenza stampa del 15 luglio 2021. «Dobbiamo tirarci indietro un po’ e dire che sono ‘probabili sepolture’, sono sicuramente ‘bersagli di interesse’», aveva detto Beaulieu, aggiungendo che i siti «hanno più firme che si presentano come sepolture», ma che «dobbiamo dire che sono probabili, finché non si scava». Ha poi scritto Rouillard: «Tutto questo si basa solo su anomalie del suolo che potrebbero essere facilmente causate dai movimenti delle radici, come ha ammonito la stessa antropologa».

Poco dopo lo scoppio della storia di Kamloops, una seconda storia ha fatto notizia: il radar di rilevamento del suolo aveva scoperto 751 tombe presso la Marieval Indian Residential School nel Saskatchewan. Il New York Times (“Horrible History’: Mass Grave of Indigenous Children Reported in Canada”) ha usato il termine «fossa comune» per descrivere ciò che è stato trovato in quella che è diventata parte della Cowesss First Nation Reserve. I leader indigeni, tuttavia, hanno chiarito che non c’erano fosse comuni nel sito di Marieval.

Il capo idigeno Cadmus Delorme ha detto a CBC News: «Questo non è un sito di fosse comuni. Queste sono tombe non contrassegnate». Il giornalista Terry Glavin ha poi sottolineato sul National Post che le tombe sono state rilevate perché lì esisteva un un cimitero cattolico collegato alla Missione del Cuore Immacolato di Maria a Marieval. Questa, scrisse Gavin, era la probabile spiegazione delle 751 tombe rilevate.

A fare luce sulla situazione potrebbero venire in aiuto ulteriori studi o scavi, ma a maggio il New York Post ha riferito che non ci sono stati scavi a Kamloops e che non ci sono date annunciate per l’inizio degli scavi. La CBC, quello stesso mese, ha citato Rosanne Casimir, il capo dei Tk’emlúps te Secwépemc, dicendo che presto sarebbero potuti iniziare i lavori nella ex scuola per riesumare e identificare i resti: «Stiamo utilizzando la scienza per supportare ogni passo di lavoro. Abbiamo una task force tecnica che è stata messa insieme composta da vari professori e archeologi tecnici e stiamo continuando a lavorare anche con una specialista di radar per il terreno».

La CBC ha riferito che le comunità locali sono combattute sull’opportunità di scavare tombe non contrassegnate nelle scuole residenziali. Mentre alcuni sopravvissuti a scuola vedono l’esumazione come un modo per commemorare adeguatamente le vittime, altri vogliono che siano lasciate indisturbate.

I bambini di queste scuole sono morti per molte ragioni, tra cui malattie (che si diffondono facilmente a causa della malnutrizione e delle condizioni antigieniche), incidenti e suicidio. L’ex presidente della Commissione per la verità e la riconciliazione in Canada, Murray Sinclair, ha anche ricordato di aver sentito i sopravvissuti testimoniare sull’uccisione di bambini nati da ragazze e generati da sacerdoti, secondo quanto riportato dal Washington Post l’anno scorso.

«Per molti canadesi e per le persone in tutto il mondo, questi recenti recuperi dei nostri bambini – sepolti senza nome, senza segni, persi e senza cerimonie sono scioccanti e incredibili», RoseAnne Archibald, capo nazionale dell’Assemblea delle Prime Nazioni, un advocacy nazionale organizzazione che lavora per promuovere le aspirazioni collettive degli individui e delle comunità delle Prime Nazioni in tutto il Canada, ha affermato in una dichiarazione lo scorso anno. Ha aggiunto: «Non per noi, l’abbiamo sempre saputo» (Fonte)

Abbonati alla rivista!


Potrebbe interessarti anche