venerdì 24 maggio 2024
  • 0
Nicaragua, il regime condanna mons. Álvarez a 26 anni di carcere
NEWS 13 Febbraio 2023    di Redazione

Nicaragua, il regime condanna mons. Álvarez a 26 anni di carcere

«La notizia che è arrivata dal Nicaragua mi ha rattristato non poco», così papa Francesco si è rivolto ai fedeli riuniti in Piazza San Pietro per la tradizionale benedizione domenicale. Stava parlando del vescovo Rolando Álvarez, un critico schietto del governo nicaraguense, condannato a 26 anni di carcere. Álvarez è stato condannato venerdì, dopo aver rifiutato di salire su un volo per gli Stati Uniti con altri 222 prigionieri, tutti oppositori del presidente Daniel Ortega. Oltre alla pena detentiva, è stato privato della cittadinanza nicaraguense.

Il cardinale Leopoldo Brenes ha risposto a chi gli ha chiesto che cosa si possa fare per Álvarez con queste parole: «Prega, questa è la nostra forza. Prega che il Signore gli dia forza, gli dia giudizio in tutte le sue azioni». Papa Francesco ha invitato i fedeli a pregare affinché i politici responsabili possa «aprire i loro cuori». I commenti di papa Francesco e del cardinale Brenes sono stati i primi fatti pubblicamente dalla chiesa sull’espulsione dei prigionieri – tra cui diversi sacerdoti – e della condanna di Álvarez.

Ortega ha ordinato il rilascio di massa di leader politici, sacerdoti, studenti e attivisti ampiamente considerati prigionieri politici e ha fatto volare alcuni di loro a Washington giovedì. Ortega ha detto che Álvarez si è rifiutato di salire a bordo senza aver potuto consultare altri vescovi. Il presidente del Nicaragua ha definito il rifiuto di Álvarez «una cosa assurda». Álvarez, che era stato tenuto agli arresti domiciliari, è stato poi portato nella vicina prigione di Modelo.

In vista della rielezione di Ortega nel novembre 2021, le autorità nicaraguensi hanno arrestato sette potenziali candidati presidenziali dell’opposizione per sgomberare il campo. Il governo ha chiuso centinaia di organizzazioni non governative che Ortega ha accusato di destabilizzare il suo governo. Il presidente ha avuto a lungo un rapporto teso con la Chiesa cattolica, ma l’ha presa di mira più direttamente l’anno scorso durante la sua campagna per estinguere le voci di dissenso. A marzo ha cacciato il nunzio papale, il più alto diplomatico del Vaticano. Successivamente, il governo ha chiuso diverse stazioni radio nella diocesi di Matagalpa di Álvarez prima delle elezioni municipali e Álvarez è stato arrestato ad agosto insieme a molti altri sacerdoti e laici, accusati di minare il governo e diffondere false informazioni.

Sabato, alcune migliaia di sostenitori di Ortega hanno marciato nella capitale in una dimostrazione di sostegno all’espulsione dei prigionieri dell’opposizione. Mentre domenica, fuori dalla cattedrale di Managua, le persone hanno manifestato il loro dissenso, dimostrando che si tratta ancora di un popolo prevalentemente cattolico. Jorge Paladino, un architetto di 49 anni, ha detto di sentirsi «disilluso, sconvolto, costernato», affermando che coloro che sono stati espulsi saranno sempre nicaraguensi, indipendentemente da ciò che gli viene detto. María Buitrago, una pensionata di 61 anni, ha parlato con docilità ma allo stesso tempo con indignazione: «Hanno preso la loro nazionalità in modo orribile come se fossero dei e possono prendere qualcuno da dove vive, da dove è nato. Non possono prendere il sangue nicaraguense. Non possono prenderlo, ma fanno quello che vogliono». (Fonte)

ABBONATI ALLA RIVISTA!


Potrebbe interessarti anche