domenica 27 settembre 2020
  • 0
NEWS 26 agosto 2014    
Non solo reclutatori di Jihadisti. In Europa c’è anche chi recluta miliziani per difendere i cristiani

Non ci sono solamente i reclutatori di jihadisti in Europa o in Italia. Ci sono anche i reclutatori di combattenti per la difesa dei cristiani sotto assedio. Lo rivela il giornale svizzero SonntagsZeitung. Un suo reporter ha visitato alcuni centri di addestramento del Syriac Military Council (SMC), gruppo armato di autodifesa siriano composto da cristiani caldei e assiri, con un migliaio di effettivi, incontrando giovani e meno giovani partiti dalla Confederazione elvetica per il fronte siro-iraqeno.

Johann Cosar, ticinese, 31enne, già ufficiale dell’esercito svizzero stando al suo racconto, si è recato a combattere da alcuni mesi nella terra dei propri avi e dove il padre è stato leader di una formazione politica cristiana. Anche il comandante di una brigata del SMC, Gewargis Hanna, 42 anni, parla lo Schwyzer Dutsch, il dialetto svizzero, e ha seguito la stessa strada. Un 58enne del Canton Zurigo è invece attivo in Iraq. “Qualcuno deve pur agire per impedire la scomparsa dei cristiani” ha detto Hanna al giornalista che lo ha intervistato.

L’SMC, secondo informazioni del SonntagsZeitung, avrebbe ricevuto circa 200mila franchi dai propri sostenitori in Svizzera.

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: