giovedì 24 settembre 2020
  • 0
NEWS 10 giugno 2019    di Redazione
Ognuno mangi la sua torta

L’attrice e cantante Miley Cyrus lo scorso 4 giugno ha pubblicato sui social (94 milioni di follower su Instagram e altri 43 milioni su Twitter) una foto a favore dell’aborto in cui compare una torta con la scritta “L’aborto è assistenza sanitaria”. Nel commento si dice che l’immagine è parte di una collaborazione dell’artista con la multinazionale abortista Planned Parenthood e poi ci sono un paio di hashtag a favore della libera scelta di abortire.

In risposta l’organizzazione americana Student for life ha pubblicato un’altra immagine in cui viene corretta la scritta sulla torta: “L’aborto è violenza”.

Tra le migliaia di critiche alla Cyrus si segnala quella dell’attore  messicano Eduardo Verástegui. «Miley, l’aborto non è assistenza sanitaria, soprattutto per il bambino. Ti preoccupi molto della tua libertà, ma non ti importa della libertà dei bambini». Padre Matthew Anthony, domenicano, ha scritto rivolgendosi alla Cyrus: «Il fatto che tu abbia bisogno di ricorrere all’attrattiva gastronomica o all’attrattiva sessuale o qualunque cosa tu faccia mostra che il fanatismo “pro-choice” dipende interamente dall’emozione e poco della ragione. Questa immagine non mostra persuasione, solo disperazione».


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: