lunedì 06 dicembre 2021
  • 0
NEWS 23 Agosto 2021    di Redazione

Pandemia, il punto della situazione dalla Germania

Anche in Germania il dibattito sulla vaccinazione e la lotta al virus sono argomenti accesi, il Die Tagespost offre ai suoi lettori alcune domande/risposte interessanti che possono essere utili per riflettere sulle questioni aperte, riportiamo di seguito un ampio stralcio in una nostra traduzione di lavoro:

Quale lo scopo dei vaccini COVID-19?
Tutti i vaccini COVID-19 approvati in modo «condizionato» all’interno dell’Unione Europea (Comirnaty/Biontech; Spike-vax/Moderna; Vaxzevria/AstraZeneca; Janssen/Johnson & Johnson) proteggono la stragrande maggioranza di coloro che sono completamente vaccinati da un grave decorso di COVID-19.

Tutti possono ammalarsi gravemente di COVID-19?
Secondo i dati del sistema di segnalazione tedesco, circa il dieci percento di coloro che sono risultati positivi al SARS-CoV-2 ha contratto il COVID-19 così gravemente da dover essere ricoverato in ospedale. Di questo dieci percento, il 17 percento era così gravemente malato da dover essere ventilato artificialmente. Di conseguenza, il 90%  non si è ammalato, o almeno non gravemente.

Quanto è alto il rischio di morire di COVID-19?
Nel suo “Profilo epidemiologico” del 14 luglio 2021, il Robert Koch Institute (RKI) “stima” il “tasso di mortalità per infezione” dallo 0,4 allo 0,6 percento. Finora (al 16 agosto), 91.871 persone in Germania sono morte “di o con COVID-19”. 60.022 di loro avevano 80 anni o più. 27.473 persone avevano tra i 60 ei 79 anni. Dei restanti 4.376, 4.030 avevano tra i 35 ei 59 anni.

Cosa non possono fare i vaccini COVID-19?
Nessuno dei vaccini COVID-19 approvati in modo «condizionato» all’interno dell’Unione Europea garantisce la cosiddetta “immunità”. Ciò significa: anche le persone completamente vaccinate possono, in linea di principio, continuare a essere infettate dal virus SARS-CoV-2. Secondo vari studi condotti da Gran Bretagna, Israele e Stati Uniti, le persone vaccinate possono avere una carica virale comparabile ai non vaccinati e sono quindi, nel peggiore dei casi, altrettanto infettive per gli altri quanto le persone non vaccinate.
Prendiamo l’Islanda come esempio: da nessuna parte in Europa sono state vaccinate così tante persone contro il COVID-19 come in Islanda. Dopo che oltre il 90% della popolazione adulta è stata completamente vaccinata, il governo islandese ha revocato tutte le restrizioni alla fine di giugno. Risultato: meno di sei settimane dopo, l’incidenza di contagio ha raggiunto il suo massimo.
Prendiamo anche la Germania come esempio: secondo l’ultimo rapporto settimanale dell’RKI, ci sono già 10.827 casi di Covid in persone completamente vaccinate. Sono infezioni da SARS-CoV-2 che sono state rilevate in persone completamente vaccinate utilizzando un test PCR. Tra gli ultrasessantenni, circa il 25% delle persone infettate si è finora ammalato così gravemente da dover essere ricoverato in ospedale. Il fatto che le persone che sono state completamente vaccinate possano anche infettare gli altri con il virus non è stato ancora comunicato apertamente dai politici, ma indirettamente è stato riconosciuto dal fatto che sono ancora tenuti a rispettare le regole di distanziamento, mascherine…

Quali gli effetti collaterali gravi dopo la vaccinazione contro il COVID-19?
Nel suo rapporto sulla sicurezza del 15 luglio 2021, il Paul Ehrlich Institute (PEI) riporta 106.835 casi sospetti di effetti collaterali e/o complicanze vaccinali segnalati in Germania e temporalmente correlati alla vaccinazione.
10.578 dei 106.835 casi sospetti sono elencati nel rapporto come “reazioni avverse gravi”. Le reazioni gravi, secondo il rapporto, sono «quelle in cui le persone vengono curate in ospedale o reazioni che sono state classificate come importanti dal punto di vista medico». Secondo l’RKI, nello stesso periodo in Germania sono state somministrate un totale di 74.871.502 dosi di vaccino contro il COVID-19.
5.781 dei casi sospetti gravi si sono verificati dopo la vaccinazione con Comirnaty (Biontech), 629 dopo la somministrazione di Spikevax (Moderna), 3.899 dopo la vaccinazione con Vaxzevria (AstraZeneca) e 125 dopo la somministrazione di Janssen (Johnson & Johnson). In altri 144 casi, il nome del vaccino non è stato indicato.

Quali gravi effetti collaterali sono stati osservati finora?
Secondo il PEI, finora in Germania sono state riportate 228 diagnosi di infiammazione del muscolo cardiaco (miocardite) e/o pericardite (pericardite), che sono state effettuate in connessione temporale con la vaccinazione. Nella maggior parte dei casi, le persone colpite sono uomini di età compresa tra 16 e 29 anni. Il PEI riporta anche segnalazioni di un totale di 2.138 trombosi, 200 delle quali fatali. La trombosi con sindrome da trombocitopenia (TTS), che di solito si verifica quando si formano troppe poche piastrine o ne vengono distrutte troppe, è stata diagnosticata in 163 casi. 25 di questi sono stati fatali. In altri 13 casi segnalati, il PEI non ha voluto confermare la diagnosi di TTS a causa «della quantità limitata di informazioni attualmente disponibili». Sanguinamento clinicamente rilevante dopo la vaccinazione è stato segnalato al PEI in 1128 casi, di cui 45 fatali. Reazioni anafilattiche sono state osservate in 362 persone. Le donne sono state colpite cinque volte più spesso degli uomini.
La sindrome di Guillain-Barré (GBS) e la sindrome di Miller-Fisher (MFS), una rara variante di GBS, sono state diagnosticate in 91 casi. In entrambi i casi si tratta di un’infiammazione acuta del sistema nervoso periferico, che può essere accompagnata da sintomi di paralisi, ma che solitamente regrediscono.

Può esistere una vaccinazione obbligatoria?
Ogni vaccinazione rappresenta un intervento nell’organismo dell’interessato e necessita quindi del “consenso informato” dell’interessato. Senza questa sarebbe una lesione fisica punibile da un punto di vista puramente legale. Da un punto di vista medico, nessuno dei vaccini COVID-19 può scavalcare il dogma farmacologico, che è: “Nessun effetto senza effetti collaterali”. Nella stragrande maggioranza dei casi, questi sono innocui e temporanei. Ma sono stati osservati anche gravi effetti collaterali, alcuni dei quali hanno portato alla morte. Anche i benefici della vaccinazione contro un decorso grave di COVID-19 non sono gli stessi per tutti.
Per le persone anziane con una o anche più malattie pregresse e che dipendono dai trasporti pubblici, i benefici sono completamente diversi da quelli di un agricoltore di 30 anni, perfettamente sano e non particolarmente a rischio di COVID-19 a causa della sua giovane età. A peggiorare le cose non è ancora stato possibile rispondere alla domanda su quanto dura l’effetto protettivo dei vaccini.
Da un punto di vista etico, ciò significa che la necessaria valutazione rischio-beneficio può essere effettuata solo dall’interessato. Ciò si applicherebbe anche se i vaccini fossero in grado di garantire “l’immunità” e proteggere in modo affidabile gli altri dall’infezione, il che, tuttavia, come dimostrato da coloro che sono stati completamente vaccinati, non è il nostro caso.


Potrebbe interessarti anche