martedì 20 ottobre 2020
  • 0
NEWS 12 ottobre 2020    di Redazione
Il Papa è “preoccupato” per il sinodo della chiesa tedesca, lo ha detto al vescovo Algermissen

Un vescovo tedesco afferma che Papa Francesco ha espresso una «drammatica preoccupazione» per la Chiesa cattolica in Germania e per il suo «percorso sinodale» di riforma iniziato lo scorso anno, che potrebbe includere la revisione di questioni “tabù” come il celibato sacerdotale e il sacerdozio femminile. I commenti di Francesco sono stati resi durante l’udienza generale di mercoledì, durante una conversazione con il vescovo Heinz Josef Algermissen, vescovo in pensione di Fulda. Algermissen ha parlato al telefono con il quotidiano tedesco Fuldaer Zeitung dopo aver incontrato il papa.

Francesco, ha detto il vescovo, ha espresso con «parole chiare e drammatica preoccupazione» il suo punto di vista sul «percorso sinodale», un processo di riforma avviato dalla Chiesa cattolica tedesca che riunisce laici e vescovi tedeschi per discutere quattro grandi temi:

  • Il modo in cui il potere si esercita nella Chiesa;
  • moralità sessuale;
  • il sacerdozio;
  • il ruolo delle donne nei ministeri e negli uffici nella Chiesa.

Il processo ha un’Assemblea sinodale, composta da 230 membri tra cui arcivescovi e vescovi, e un numero uguale di laici. Secondo alcuni prelati tedeschi, tutto è in discussione e il percorso sinodale è “vincolante”.

Tuttavia, l’anno scorso papa Francesco ha avvertito i cattolici in Germania di non tentare di andare per la propria strada, perché non camminano da soli ma con la Chiesa universale. Secondo Algermissen, Francesco ha menzionato la sua lettera al «popolo di Dio pellegrino in Germania» durante la loro conversazione, e si è rammaricato del fatto che sia stata ampiamente ignorata dalle diocesi tedesche. Il vescovo tedesco afferma che il pontefice vorrebbe che la chiesa si concentrasse sull’evangelizzazione di un paese sempre più secolarizzato, e si sta invece concentrando su «questioni politiche», come le donne sacerdote e il celibato.

Nella lettera scritta nel giugno 2019, Francesco ricorda anche ai tedeschi che una riforma “strutturale”, semplicemente cambiando per adattarsi ai tempi moderni, non è una soluzione. La ragion d’essere della Chiesa, ha scritto Francesco, è che Dio «ha tanto amato il mondo da dare il suo unico Figlio affinché tutti coloro che credono in lui non muoiano ma abbiano la vita eterna». Nella lettera, Francesco sostiene che la trasformazione e la rivitalizzazione ricercate con un sinodo non possono essere semplicemente una «reazione a dati o richieste esterne», incluso un calo delle nascite e delle comunità che invecchiano.

Sebbene queste siano «preoccupazioni valide», ha scritto Francesco, viste al di fuori del mistero ecclesiale potrebbero provocare un atteggiamento reazionario. Credere che le soluzioni siano puramente strutturali, ha affermato, è «una delle prime grandi tentazioni a livello ecclesiale». «Senza avere il Vangelo come anima», ha scritto Francesco, un corpo ecclesiale ben organizzato e anche modernizzato potrebbe diventare un cristianesimo che non ha zelo evangelico.

«Ogni volta che la comunità ecclesiale cerca di risolvere i problemi concentrandosi esclusivamente sulle sue forze o sui suoi metodi, sulla sua intelligenza, sulla sua volontà o sul suo prestigio, finisce per aumentare e perpetuare i mali che stava cercando di risolvere», ha detto Francesco. Alla fine di gennaio si è svolta a Francoforte la prima assemblea sinodale della chiesa tedesca. A settembre si sono tenute conferenze regionali più piccole, dopo una pausa dovuta alla pandemia COVID-19.

La possibilità della nascita di una «chiesa nazionale tedesca» a seguito del percorso sinodale è stata lanciata come monito da diversi membri della gerarchia tedesca, tra cui il cardinale di Colonia Rainer Maria Woelki , che alla fine di settembre ha detto: «Il peggior risultato sarebbe se il percorso sinodale portasse a uno scisma con la chiesa universale». Parlando con l’edizione tedesca dell’Agenzia di stampa cattolica, Woelki ha affermato di volere che i partecipanti evitassero di creare «speranze insoddisfacenti» sull’ordinazione di sacerdoti donne, perché la questione era stata risolta da San Giovanni Paolo II, e Francesco ha dichiarato di considerare il problema chiuso. «Non posso trattarlo come se la questione fosse aperta», ha detto il cardinale. «In tal caso, la discussione si svolge al di fuori dell’insegnamento della chiesa».

Il ricordo di Algermissen del suo scambio con papa Francesco fa eco ai commenti del cardinale Kurt Koch, presidente del Consiglio vaticano per la promozione dell’unità dei cristiani. Il mese scorso, il cardinale svizzero ha affermato che nelle conversazioni personali con Francesco, il pontefice aveva espresso preoccupazioni per la Chiesa in Germania.


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: