venerdì 14 giugno 2024
  • 0
Per la scuola libera, anche al Sud
NEWS 24 Maggio 2023    di Redazione

Per la scuola libera, anche al Sud

“La scuola, un cantiere sempre aperto sul futuro”, è il titolo del convegno che si terrà a Bari venerdì prossimo, 26 maggio. Presso l’Auditorium della Legione Allievi della Guardia di Finanza del capoluogo pugliese, dalle 9 alle 13 si confronteranno sui temi caldi della scuola, dirigenti, docenti, studenti e famiglie appartenenti alle realtà scolastiche del Sud del Paese.

Ci sarà anche il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara, ma la giornata darà spazio anche a padre Luigi Gaetani, presidente CISM Nazionale, a suor Anna Monia Alfieri, Referente Scuola dell’USMI Nazionale, e a Roberto Romito, presidente ANP Puglia. Modera il giornalista Giuseppe Brindisi, conduttore di Zona Bianca.

Suor Anna Monia Alfieri

Suor Anna Monia Alfieri, collaboratrice del Timone, parlerà in particolare della dispersione scolastica che nel sud tocca i picchi del 21 e del 23% contro una media italiana del 12% e una media europea del 9%. Secondo suor Alfieri c’è anche un problema di un pluralismo educativo ormai ridotto al minimo, siamo a un 4% contro il 37% del Nord del Paese, un divario che va sanato attraverso idonee risorse.

Il convegno ha già più di 1000 iscritti mostrando come il tema stia a cuore a famiglie e territorio, perché c’è un problema serio di libertà e qualità educativa, come ha sottolineato suor Anna rispondendo a un’intervista di Orizzonte scuola. «Moltissime scuole pubbliche paritarie dopo essersi indebitate per anni al solo fine di garantire il pluralismo educativo, sono state costrette a chiudere, non essendo più in grado di sostenere lo sforzo economico necessario, privando le periferie del Paese e il Sud di reali presidi di libertà. Le drammatiche conseguenze sono state quelle di un Paese Italia che si presenta in Europa con un sistema scolastico classista, regionalista (secondo i dati Ocse-Pisa Lombardia e Veneto arrivano ai primi posti, le regioni meridionali agli ultimi) e discriminatorio».


Potrebbe interessarti anche