lunedì 26 settembre 2022
  • 0
NEWS 2 Settembre 2022    di Redazione

Persino la Cina comunista ora scommette sul matrimonio

La popolazione cinese sta diminuendo. Il censimento del 2021 ha allarmato le alte sfere del Partito Comunista al potere. La Cina è nel mezzo di una crisi di fertilità, una grave carenza di nascite in tutto il paese. La popolazione attiva si sta riducendo di milioni ogni anno. Le giovani coppie non hanno abbastanza soldi per mantenere i bambini. I matrimoni stanno diminuendo. Secondo uno studio di febbraio dello YuWa Population Research Institute con sede a Pechino, la Cina è dietro alla Corea del Sud come paese con i tassi di natalità più bassi al mondo. I ricercatori di YuWa affermano che le donne sono principalmente preoccupate per l’aumento dei costi dell’istruzione, i lunghi orari di lavoro e i bassi salari.

Dalla pubblicazione dell’ultimo censimento, molti governi provinciali e comunali hanno adottato misure per favorire la formazione di famiglie. Sebbene sia ancora all’inizio, ci sono prove di successo in alcune piccole città e aree rurali. Ma finora questo approccio non ha portato a differenze significative. La Cina registra più morti che nascite ogni anno. Per questo, martedì, ben 17 dipartimenti del governo cinese hanno pubblicato insieme una linea guida sul sostegno alle politiche finanziarie, fiscali, abitative, occupazionali, di istruzione e altri campi per creare una società favorevole alla fertilità e incoraggiare le famiglie ad avere più figli.

Le linee guida sono ampie. Chiedono un approccio generale al sostegno del matrimonio e della maternità, imponendo ai governi locali di “attuare misure attive di sostegno alla fertilità” che includano:

  • Sovvenzionare e promuovere l’assistenza prenatale e postnatale.
  • Riattivare il sistema infermieristico.
  • Aumentare il congedo di maternità.
  • Orari di lavoro flessibili e lavoro da casa.
  • Aiuto finanziario diretto per le spese di istruzione.
  • Piani di aiuto per l’acquisto di una casa per famiglie con più figli, inclusi appartamenti più grandi.
  • Aiuto locativo della Cassa di previdenza obbligatoria (simile alla Previdenza Sociale) per le famiglie con più figli.
  • Agevolazioni fiscali generose per le famiglie con bambini di età inferiore ai tre anni, oltre agli incentivi fiscali esistenti per i bambini in età scolare.

L’aumento della fertilità è ora una priorità nazionale urgente. Le linee guida di martedì sono state pubblicate per attuare politiche a sostegno di ogni coppia per avere un terzo figlio, spingere il governo, le istituzioni e gli individui ad adempiere alle proprie responsabilità nella creazione di un ambiente favorevole al matrimonio e alla fertilità e promuovere la crescita della popolazione. È il pacchetto di riforme più completo da quando Deng Xiaoping ha aperto l’economia cinese al mondo con il “socialismo con caratteristiche cinesi” (capitalismo di stato) nel 1978. Deng, noto come “Il grande architetto”, è stato anche responsabile della politica del figlio unico.

La Cina ha uno dei tassi di aborto più alti al mondo. Ci sono stati 17,7 milioni di aborti tra il 2015 e il 2019. L’aborto era ovviamente molto diffuso durante la politica cinese del figlio unico. Secondo le nuove linee guida, l’aborto è fortemente sconsigliato. E quando il governo cinese “sconsiglia” qualcosa, non scherza.

Ma Li, un ex membro del China Population and Development Research Center, ha affermato che permettere alle famiglie di avere tre figli è solo l’inizio. Sostiene che la Cina abbia bisogno di una cultura a misura di famiglia. Il signor Ma colpisce nel segno. Il governo può insistere quanto vuole sul fatto che bisogna avere figli per sostenere il paese e il partito. Ma il signor Ma comprende che la cultura è vitale per invertire la carenza di nascite in Cina. Per fare ciò, incoraggia la creazione di più asili nido e scuole materne; gli aiuti alla donna in carriera nella gestione dei figli; l’aumento degli assegni familiari e l’adeguamento degli assegni familiari in base al numero di figli.

Il professor Liang Jianzhang dell’Università di Pechino afferma che per aumentare il tasso di fertilità del Paese da 1,3 (ufficiale) a un sostituto 2,1, la Cina dovrebbe spendere il 10% del Pil. E perché no? Il 10% del PIL è un piccolo prezzo da pagare per la sopravvivenza della nazione. La popolazione cinese sta invecchiando rapidamente, la dimensione media delle famiglie è 2,62 ed è in diminuzione. È tempo che il governo nazionale si batta con forza e pienezza per la famiglia. Il mondo intero sta guardando. (Fonte)

Abbonati alla rivista!


Potrebbe interessarti anche