domenica 27 settembre 2020
  • 0
NEWS 23 aprile 2020    di Redazione
Polizia irrompe in una chiesa parigina. Il vescovo risponde

Come molti dei suoi colleghi in Francia, padre Philippe de Maistre, parroco della parrocchia di Saint-André-de-l’Europe, a Parigi (VIII), trasmette la domenica la messa che celebra con alcuni concelebranti, per i suoi parrocchiani, privati ​​delle messe pubbliche dall’inizio della pandemia.

Ma domenica scorsa, 19 aprile, nel mezzo di una celebrazione, il sacerdote ha visto con sorpresa agenti di polizia che hanno fatto irruzione nella sua chiesa … per obbligarlo a fermare la messa. «Eravamo sette persone: io, un ministrante, un cantore, un organista e tre parrocchiani per rispondere e leggere. Nel mezzo della messa, tre poliziotti armati sono entrati in chiesa», dice padre Philippe de Maistre, ancora scioccato. «L’autorità in una chiesa è il pastore! Fatta eccezione per i pompieri, la polizia non può entrare fino a quando non vengono chiamati dal parroco».

Il sacerdote ha anche avvisato l’arcivescovo di Parigi, mons. Michel Aupetit, che mercoledì ha denunciato con fermezza l’incidente su Radio Notre-Dame: «La polizia è entrata in chiesa con le armi, ma c’è un divieto formale per la polizia di portare le armi in una chiesa. Non c’erano terroristi! Dobbiamo mantenere la calma e fermare questo circo. Altrimenti parleremo e (…) parleremo molto forte!».

Secolarismo

Infatti, sin dalle leggi secolari del 1905 e del 1907, che garantiscono la libertà di culto, la parte interessata da un luogo di culto gode spesso di poteri molto ampi. Pertanto, il sacerdote è l’unico responsabile della “polizia interna” della sua chiesa, purché si tratti di preservare l’esercizio dell’adorazione. La polizia può quindi intervenire in un santuario solo su espressa richiesta del parroco, con una sola eccezione: se l’ordine pubblico è minacciato; può essere un grave problema di sicurezza, tranquillità o salubrità, come specificato in una sentenza del Consiglio di Stato del 1993. La giurisprudenza specifica inoltre che la polizia deve consentire alle persone interessate di evacuare liberamente l’edificio, prima di usare la forza. Una messa confinata, con meno di dieci persone, costituisce un «disturbo dell’ordine pubblico»? Difficile da dire…

Il vicino ha allertato la polizia

Che cosa è successo nella chiesa di Saint-André-de-l’Europe? «Ho fatto la scelta di continuare la messa, ma la polizia ci ha ordinato di fermarci. Il capo della polizia ha chiesto di “verbalizzare il gentiluomo” – me – e di far procedere i suoi due assistenti. Il mio servitore all’altare, lui stesso un poliziotto, è stato in grado di scendere a dialogare con loro. Ma se ne sono andati dopo venti minuti dopo aver chiesto che i tre parrocchiani abbandonassero la cerimonia». Padre de Maistre, alla fine, non sarà multato. D’altra parte, scandalizzato da questo incidente in piena celebrazione, si confrontò subito col municipio dell’ottavo distretto, che «reagì molto rapidamente» parlando con la stazione di polizia dell’ottavo distretto, secondo padre Philippe de Maistre. È seguito uno scambio cordiale tra il parroco e il sovrintendente: «Gli ho ricordato che la polizia non doveva interrompere una celebrazione e che dovevano restare fuori se intendevano verbalizzare».

Secondo il parroco di Saint-André-de-l’Europe, l’incidente avrebbe potuto essere causato da un vicino che avrebbe avvisato la polizia dopo aver sentito l’organo. «Ho trovato un messaggio sulla mia segreteria telefonica di una persona che urlava: “Messa sotterranea a Saint-André!”», Confida l’abate. «L’idea che le persone forniscano informazioni per denunciare le presunte messe clandestine… in realtà, avevamo chiuso le porte della chiesa per dissuadere i parrocchiani dal venire e rispettare il confino. Tuttavia, questo si rivolge contro di noi, perché le persone hanno la sensazione che stiamo facendo qualcosa di nascosto!», deplora ancora l’uomo di Chiesa. «Stanno approfittando di questa crisi per mettere in discussione la libertà di culto», dice preoccupato l’abate.

Quadro giuridico poco chiaro

Lo stato di emergenza sanitaria non ha imposto la chiusura dei luoghi di culto per la preghiera individuale dei fedeli. Il sito web del governo, nelle sue domande frequenti, indica che puoi recarti nel tuo luogo di culto ma che esso «non può accogliere riunioni di fedeli». Aggiunge che «solo la celebrazione di un funerale può dar luogo all’accoglienza della famiglia stretta, entro il limite di 20 persone e questo nel rispetto dei gesti e della distanza». Ma il decreto n. 2020-293 del 23 marzo 2020 rimane poco chiaro sulla possibilità di perseguire le messe nelle chiese: nel suo articolo 8-IV, specifica che «Gli istituti di culto (…) sono autorizzati a rimanere aperti. Qualsiasi raduno o incontro al loro interno è vietato ad eccezione delle cerimonie funebri entro il limite di 20 persone». Ora, un “incontro” o “raduno” non sempre corrispondono ad una celebrazione religiosa, soprattutto se resta privata. Il 17 marzo, nella sua raccomandazione ai vescovi, mons. Éric de Moulins-Beaufort, presidente della conferenza dei vescovi di Francia (CEF), ha indicato che «nessuna messa con un’assemblea, di qualsiasi dimensione, deve essere celebrata», vale a dire nessuna messa pubblica. Tuttavia, «le messe (private, ndr) non sono vietate», specifica la diocesi di Parigi a Le Figaro. Ma «devono essere celebrate a porte chiuse, senza la presenza dei fedeli e rispettando le distanze». Che cosa, quindi, nelle messe celebrate in una chiesa chiusa, con un parroco e i suoi concelebranti, richiede l’intervento della polizia? «Non assimiliamo una messa celebrata a porte chiuse da un parroco e dai suoi vicari a un “incontro o riunione», conclude la diocesi di Parigi.

La messa può avvenire a porte chiuse

L’ambiguità rimane quindi sulla presenza di alcuni fedeli, come questi tre parrocchiani presenti nella chiesa di Saint-André-de-l’Europe, ma anche durante molte altre messe in Francia trasmesse sui social network. Richiesto da Le Figaro, il Ministero dell’Interno ha fatto questo chiarimento: all’interno del luogo di culto «non dovrebbero esserci possibilità di raggruppamento o raduni organizzati. Una cerimonia di culto è come un raduno organizzato». Tuttavia, specifica il ministero, «Un ufficio può essere celebrato da un ministro della religione, ma a porte chiuse, per essere trasmesso dai media. Il Ministro della Religione può essere assistito da poche persone, se necessario e nel minor numero possibile, per procedere alla registrazione della cerimonia».

In questo caso, queste persone «devono essere in possesso del certificato di deroga su cui deve essere spuntata la casella “viaggi d’affari”(1 ° I dell’articolo 3)». Il Ministero dell’Interno aggiunge che queste regole, di portata nazionale, «potrebbero essere soggette ad adattamenti locali più restrittivi da parte dei prefetti, a seconda delle circostanze locali». Infine, sottolinea a Le Figaro che «nella loro maggioranza, le varie denominazioni religiose rispettano scrupolosamente queste prescrizioni e le violazioni sanzionate riguardano solo una minoranza». Tuttavia, queste tensioni a Parigi rafforzano una certa impazienza da parte dei fedeli e dei sacerdoti di poter riprendere le solite messe pubbliche. Dopo l’incontro con i vari rappresentanti delle religioni in Francia, il presidente Emmanuel Macron avrebbe preso in considerazione una ripresa del culto verso metà giugno, con la presenza limitata dei fedeli. (fonte)

 


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: