giovedì 26 novembre 2020
  • 0
NEWS 29 ottobre 2020    di Redazione
Polonia: I vescovi definiscono «inquietanti» alcune forme di protesta per la sentenza sull’aborto

I vescovi polacchi mercoledì hanno sottolineato l’importanza di proteggere la vita e il valore della pace sociale, dopo le proteste verificatesi a causa di una sentenza del tribunale che si è espresso contro una legge che consentiva l’aborto per anomalie fetali.

Le proteste hanno bloccato strade e ponti e i manifestanti hanno fatto irruzione nelle chiese, di tutto il paese. «Oggi, mentre un’ondata di proteste di piazza attraversa il nostro paese, papa Francesco ha rivolto parole importanti e significative ai polacchi durante l’udienza generale», ha detto il consiglio permanente della conferenza episcopale polacca in una dichiarazione del 28 ottobre. Essi hanno osservato che il Papa «ha ricordato San Giovanni Paolo II, che si è sempre espresso per l’amore speciale per i deboli e gli indifesi e per la protezione di ogni vita umana dal suo concepimento alla sua morte naturale. Queste parole fanno parte del costante appello della Chiesa alla protezione, compresa la protezione giuridica, della vita di ogni essere umano, compreso il nascituro, secondo il comandamento “Non uccidere”».

Le proteste in tutta la Polonia sono iniziate dopo che, il 22 ottobre, la Corte costituzionale ha stabilito che una legge che consentiva l’aborto per anomalie fetali era in realtà incostituzionale. La costituzione polacca dice che lo Stato «deve garantire la protezione giuridica della vita di ogni essere umano». Il tribunale è stato invitato ad esaminare la legge l’anno scorso da un gruppo di 119 deputati appartenenti al partito di governo Diritto e Giustizia, così come di altri due partiti più piccoli. Circa 1.000 aborti hanno legalmente avuto luogo nel paese ogni anno, la stragrande maggioranza di loro sulla base di anomalie fetali. L’aborto continuerà a rimanere legale nei casi di stupro, incesto e rischio per la vita della madre.

I vescovi hanno ricordato che Francesco «ha chiesto a Dio di risvegliare nel cuore di tutti il rispetto per la vita dei nostri fratelli e sorelle, specialmente dei più deboli e indifesi, e di dare forza a coloro che li accettano e si prendono cura di loro, anche quando richiede un amore eroico». «Il comandamento dell’amore ci impone un importante dovere di prendersi cura, aiutare e dare alle madri e alle famiglie che ricevono e allevano i bambini malati la protezione di cui hanno bisogno», hanno riflettuto i vescovi.

«Ringraziamo tutte le comunità e le istituzioni che lo fanno da anni e ci appelliamo alle parrocchie, ai movimenti cattolici e ad altre organizzazioni ecclesiastiche affinché intraprendano iniziative specifiche per andare incontro a coloro che hanno bisogno e avranno bisogno di un aiuto sia individuale che istituzionale. La Chiesa si batterà sempre per la vita e sosterrà le iniziative che la proteggono», hanno aggiunto.

I manifestanti hanno interrotto le messe domenicali in tutta la Polonia questo fine settimana. Hanno anche lasciato graffiti sui muri della chiesa, vandalizzato una statua di san Giovanni Paolo II e cantato slogan contro il clero. Strade e ponti sono stati bloccati, e alcuni lavoratori hanno indetto uno sciopero il 28 ottobre. Il primo ministro Mateusz Morawiecki ha dichiarato il 27 ottobre che «ciò che sta accadendo nello spazio pubblico, quegli atti di aggressione, attacchi, barbarie, sono inaccettabili». I vescovi hanno parlato del loro «grande dolore» per «l’escalation della tensione sociale e dell’aggressione. Il linguaggio volgare usato da alcuni dei manifestanti, la distruzione dei beni sociali, la devastazione delle chiese, la profanazione dei luoghi sacri o l’impedire lo svolgimento delle messe sono inquietanti».

«Chiediamo a tutti di impegnarsi in un dialogo sociale significativo, di esprimere le proprie opinioni senza ricorrere alla violenza e di rispettare la dignità di ogni essere umano», hanno detto. Il ministro dell’Interno Mariusz Kaminski ha aggiunto che 76 persone sono state arrestate in relazione alle proteste nelle chiese e 101 casi sono perseguiti legalmente. I vescovi hanno aggiunto: «chiediamo ai politici e a tutti i partecipanti al dibattito sociale, in questo momento drammatico, di analizzare a fondo le cause della situazione e di cercare vie d’uscita, nello spirito della verità e per il bene comune, senza strumentalizzare le questioni riguardanti la fede e la Chiesa». L’Arcidiocesi di Cracovia ha riferito che i giovani cattolici si trovavano fuori dalle chiese in mezzo alle proteste nel tentativo di prevenire i disordini, e si sono occupati di ripulire le scritte ingiuriose sui muri delle chiese.

I vescovi hanno ringraziato i pastori «che difendono coraggiosamente le loro chiese», così come i servizi di sicurezza. «La Chiesa vuole rimanere aperta a tutte le persone, indipendentemente dalla loro appartenenza sociale e politica», hanno osservato. Riflettendo sulle imposizioni dovute alla pandemia di coronavirus, hanno fatto appello alla «solidarietà e al rispetto delle norme di sicurezza sanitaria». «Chiediamo anche a tutti i credenti di digiunare, di fare l’elemosina e di pregare per la pace sociale, con l’intenzione di proteggere la vita, porre fine alla crisi in corso e alla pandemia in via di sviluppo», hanno concluso. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: