domenica 01 agosto 2021
  • 0
NEWS 23 marzo 2021    di Redazione

Prete multato per aver celebrato messe pubbliche in Irlanda

Il quotidiano cattolico irlandese The Irish Catholic ha riferito che la polizia nazionale ha inflitto una multa di 500 euro a P. J. Hughes dopo che aveva celebrato alcune messe con un piccolo numero di parrocchiani nella parrocchia di Mullahoran e Loughduff, situata nella contea di Cavan. Nell’ambito delle misure sanitarie decretato dal governo irlandese di fronte alla pandemia di COVID-19, le messe pubbliche sono state sospese da marzo a giugno 2020, durante la prima ondata di coronavirus. Il culto pubblico è stato di nuovo sospeso dal 7 ottobre dello scorso anno. Il 21 marzo, la parrocchia ha pubblicato la foto di una lettera, dove p. Hughes ha scritto: «Domenica prossima inizia il viaggio della Settimana Santa. È difficile credere che per il secondo anno le persone non possano venire a partecipare alle cerimonie pasquali. Nonostante le dimensioni della chiesa e il luogo sacro grazie alla presenza di Gesù nel Santo Tabernacolo, la chiesa è stata considerata un punto focale per la diffusione del virus da parte della Gardaí [polizia nazionale]», ha detto.

«La maggior parte delle persone è sana e può fare acquisti, portare i propri figli a scuola e molti lavorano in ambienti chiusi. Stiamo facendo un grave errore nel rifiutare nostro Signore e Dio Gesù Cristo rimanendo lontani solo perché i funzionari governativi dicono che dobbiamo farlo», ha aggiunto. P. Hughes, che fa parte della Diocesi di Ardagh e Clonmacnoise, ha sottolineato: «Non accetto questa richiesta da parte di persone che non si rendono conto del male che stanno facendo. È nostro diritto costituzionale protestare finché si tratta di proteste pacifiche; è nostro diritto costituzionale praticare la nostra fede e riunirci per pregare insieme». Ha anche notato che «coloro che hanno paura di contrarre il virus venendo in chiesa hanno la libera scelta di rimanere a casa e vivere la loro vita come meglio credano». Il sacerdote ha aggiunto nella sua lettera. «Sono stato nuovamente denunciato e il Gardaí ha emesso una multa perché ho celebrato la Messa con le persone presenti. Eserciterò il mio diritto costituzionale anche se non obbedisco al mio Vescovo quando vado contro il suo consiglio. Non possiamo semplicemente rifiutare Gesù nella Santa Eucaristia». Il giornale cattolico irlandese ha detto che la polizia ha chiesto a P. Hughes nel novembre 2020 di chiudere le porte della chiesa quando ha celebrato la Messa per impedire ai parrocchiani di partecipare; ma il sacerdote si è rifiutato.

Inoltre, fonti vicine al sacerdote indicano che p. Hughes non è disposto a pagare la multa ed è pronto per essere imprigionato piuttosto che smettere di celebrare messa con i fedeli che desiderano assistere. L’Irlanda è attualmente sotto severe restrizioni di “livello 5” per COVID-19 almeno fino al 5 aprile 2021. Il governo non ha detto quali restrizioni saranno in vigore dopo il 5 aprile, ma i media locali hanno riferito che qualche l’allentamento delle misure restrittive sarà probabile dal prossimo mese.

Mercoledì 17 marzo, giorno di San Patrizio, il nuovo arcivescovo di Dublino, l’arcivescovo Dermot Farrell, ha offerto la Messa e, nella sua omelia, ha chiesto alle autorità di dare priorità al diritto di culto, man mano che le misure covid-19 diventano più flessibili. «Su una questione di dignità umana e giustizia, ma ancor più a causa di una questione di benessere e ripristino della normalità, chiedo alle autorità pubbliche di garantire che il legittimo desiderio delle persone di soddisfare in modo responsabile e all’interno di linee guida ragionevoli per l’esercizio del loro diritto costituzionale al culto sia prioritario quando si tratta di rendere le restrizioni più flessibili»

Il 22 marzo, David Quinn, direttore dell’Iona Institute, un gruppo di sostegno che promuove il matrimonio e la religione nella società, ha detto che il sacerdote «potrebbe affrontare la prigione se non paga la multa. Se ciò accadesse, sarà la prima volta da secoli che un sacerdote in Irlanda viene imprigionato, o addirittura multato, per aver detto Messa in pubblico. Ciò evidenzia il carattere totalmente ingiusto e sproporzionato dell’attuale situazione in Irlanda. Il culto pubblico è stato vietato per circa otto mesi negli ultimi 12 mesi, più che in qualsiasi altra parte d’Europa. Attualmente, solo un piccolo gruppo di paesi europei vieta il culto pubblico. Il resto lo consente, perché una volta seguite le misure sanitarie, l’incontro per il culto è sicuro. Le autorità sanitarie e i governi di tutto il mondo possono vederlo, ma non in Irlanda, dove il diritto al culto pubblico è stato ridotto a secondario», hanno concluso. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche