mercoledì 29 giugno 2022
  • 0
NEWS 27 Maggio 2022    di Redazione

Regno Unito, negli ultimi 10 anni chiuse oltre 2.000 chiese

Un‘indagine pubblicata dalle organizzazioni evangeliche nel Regno Unito il mese scorso ha rilevato che, mentre circa la metà della popolazione del paese si identifica come cristiana, solo il 6% è “praticante” e sufficientemente attivo nella propria fede da frequentare la chiesa almeno una volta al mese.

Il calo delle presenze è uno dei motivi per cui oltre 2.000 chiese hanno chiuso nell’ultimo decennio, le comunità sono alle prese con se o come salvare i loro edifici storici. «Se gestissi un’organizzazione commerciale e avessi una filiale in ogni singola High Street del paese, ma il numero di persone che la visitano fosse in netta diminuzione, fallirei se non chiudessi alcune di queste filiali», ha affermato Nick Spencer, senior fellow di Theos. «Questa è la realtà di fronte alla chiesa».

Il numero di chiese nel Regno Unito è sceso da 42.000 a 39.800 in un arco di dieci anni, secondo il rapporto del 2021 della Brierley Research Consultancy. «Se hai chiese nelle zone rurali, e ci sono meno persone che vi entrano, perché sempre meno persone vivono nelle aree rurali, e non hai i soldi per far funzionare le chiese, allora la probabilità che chiudano diventa enorme», ha commentato Spencer. Un recente rapporto della Chiesa d’Inghilterra ha rilevato che fino a 368 chiese potrebbero essere a rischio di chiusura nei prossimi due o cinque anni, anche se la Chiesa ha affermato che il tasso di chiusura sta rallentando.

Il calo delle presenze – e, a sua volta, il coinvolgimento e le donazioni dei fedeli – hanno lasciato le chiese con meno risorse per mantenere i loro vecchi edifici. Anche le chiese con un corpo di culto abbastanza grande potrebbero non essere in grado di permettersi riparazioni e restauri per chiese che hanno ormai centinaia di anni. Il National Churches Trust e altre organizzazioni non profit possono aiutare a colmare questo divario, desiderose di preservare gli spazi che hanno svolto un ruolo così significativo nella vita e nelle comunità delle persone, ma potrebbero non essere sufficienti.

«Un edificio storico e bellissimo di una chiesa ti ricorda che fai parte di una storia più grande della tua stessa vita, che attraversa i secoli», ha scritto Lucy Winkett, rettore della Chiesa di San Giacomo a Piccadilly. «La verità è che come persone e come società abbiamo bisogno di edifici ecclesiastici. Al loro meglio, sono spazi pubblici senza barriere, sempre aperti, liberi e di facile accesso, inclusivi, adattabili, belli, con una forte tradizione di connessione nel tempo e nello spazio».

La storia e la tradizione descritte da Winkett sono di grande importanza per molti in tutto il Regno Unito che vogliono vedere gli edifici delle chiese locali preservati anche se non partecipano attivamente alla vita di fede. «Vorremmo davvero che quante più chiese possibile rimanessero aperte a causa di quella “connessione” locale che creano», ha spiegato Eddie Tulasiewicz del National Churches Trust. «[La chiesa] significa qualcosa per le persone che ci vivono. Sono parte della storia, che potrebbe avere 50 anni, potrebbe avere 200 anni, potrebbe avere 1.000 anni».

«In molti dei paesi in cui resiste ancora la chiesa, l’ufficio postale locale, la banca locale, il negozio locale e il pub locale hanno chiuso e la chiesa è spesso l’ultimo edificio pubblico rimasto», ha detto. «La chiesa è sinonimo della storia e dell’identità di questi paesi». Le sovvenzioni aiutano le chiese in difficoltà, ma non tutte sono in grado di rimanere aperte. A volte le chiese più piccole chiudono e si uniscono ad una chiesa più grande in una posizione più centrale.

Con l’eccezione di alcune chiese anglicane più grandi, la ricerca ha dimostrato che le chiese di immigrati e le chiese a maggioranza nera stanno crescendo più rapidamente, in linea con il cambiamento demografico britannico. «L’immigrazione sta cambiando il volto della religione in Europa, della religione nel Regno Unito e del cristianesimo nel Regno Unito», ha affermato Spencer. «Le chiese dei migranti si radunano nelle aule scolastiche o nei cinema. Sono più focalizzati sulle persone e sull’elemento della comunità che sull’elemento dell’edificio».

Un rapporto di Theos ha rilevato che Londra è uno dei luoghi più religiosi del paese, soprattutto a causa della popolazione immigrata. «La sfida e l’opportunità rimangono alle generazioni più giovani perché l’86% delle persone che credono nel Regno Unito ha meno di 25 anni», ha concluso.


Potrebbe interessarti anche