martedì 5 marzo 2024
  • 0
Reincarnazione, qualche critica
NEWS 29 Novembre 2017    

Reincarnazione, qualche critica

di  Giacomo  SAMEK LODOVICI    

Gli induisti e i buddisti professano la credenza nella metempsicosi. Ci crede purtroppo anche qualche cattolico. Basta però ragionare, e questa dottrina non sta in piedi.
Le sue differenze con quella cristiana

Uno dei pilastri del buddismo e dell’induismo è costituito dalla dottrina della reincarnazione o metempsicosi, una concezione antichissima (sostenuta anche da molti filosofi, per esempio da Platone), professata anche da diversi occidentali, persino cristiani o cattolici. In realtà, però, questa dottrina è incompatibile con quella cristiana, per vari motivi.

Alcune differenze tra reincarnazionismo e cristianesimo

Per il reincarnazionismo:
1) l’anima (da intendersi come io consapevole e volontario) preesiste al corpo e discende successivamente in un corpo;
2) il soggetto coincide con la sua sola anima ed il corpo è solo un contenitore dell’anima (dualismo antropologico;
3) alla morte del corpo l’anima sopravvive e si reincarna varie volte in altri corpi;
4) solo dopo alcune reincarnazioni l’anima riceve definitivamente un premio o una punizione per come si è comportata, si libera finalmente dell’ultimo corpo e non ne assume più nessuno.

Per il cristianesimo:
1) l’anima non preesiste al corpo: nello stesso momento in cui avviene il concepimento di un nuovo corpo essa viene da Dio creata ed infusa in esso;
2) il soggetto è un’unione di anima e corpo;
3) alla morte del corpo l’anima sopravvive, ma non si reincarna in nessun corpo, bensì vive in uno stato di separazione dal corpo; solo alla fine del mondo l’anima si riunisce per sempre all’unico corpo (glorioso nel caso del beato) a cui era stata unita (resurrezione della carne;
4) alla morte del corpo l’anima riceve subito e definitivamente da Dio un premio (il Paradiso, preceduto o no dal Purgatorio) o una punizione (l’Inferno).

Alcune critiche alla reincarnazione

Chiarite queste differenze, vediamo adesso alcune critiche filosofiche alla reincarnazione (altre si possono trovare nei testi citati in bibliografia).

1. Nel reincarnazionismo il soggetto coincide con la sua sola anima ed il corpo è solo un contenitore dell’anima. Tuttavia, se rifletto su me stesso, percepisco che il mio corpo e la mia anima sono profondamente compenetrati, interagiscono intimamente, percepisco che io sono una sintesi di anima e corpo. Vediamolo.
1.1. La mia anima agisce sul mio corpo, l’interiorità determina l’esteriorità. Ad esempio, pensiamo all’effetto placebo: se sono malato e un medico mi dà dell’acqua zuccherata, facendomi credere che mi sta somministrando una medicina, a volte io guarisco, o comunque miglioro, perché l’aspettativa e la fiducia di guarire, nutrite dalla mia anima, si riproducono sul mio corpo. Similmente, alcune malattie corporee sono una somatizzazione di fenomeni psichico-spirituali.
1.1.1. Il dualista antropologico può ribattere che anche un contenitore viene modificato dalle condizioni del contenuto: per esempio una bottiglia di vetro viene scaldata/ raffreddata se l’acqua che contiene è calda/fredda. Sennonché, l’anima non solo agisce sul corpo, ma altresì traspare attraverso il corpo: se sono interiormente triste, allegro, ecc., l’espressione corporea del mio viso lo manifesta, a meno che io non dissimuli. Anzi, perfino quando cerchiamo di dissimulare le nostre emozioni, alcune microespressioni facciali (che pochi sanno notare) trapelano lo stesso (cfr. K. Oatley, Breve storia delle emozioni, il Mulino 2007, p. 176). Ancora, spesso, almeno ad una certa età, i lineamenti del viso e lo sguardo manifestano se una persona è particolarmente buona/ malvagia. Ora, è vero che anche un contenitore fa trasparire le condizioni del contenuto, per esempio una bottiglia di vetro fa trasparire le condizioni dell’acqua che essa contiene, ma può farlo solo se essa è trasparente, mentre il corpo non è trasparente, bensì opaco, è un po’ come una bottiglia di vetro nero.
1.2. Inoltre, il mio corpo agisce sulla mia anima: le sue condizioni si riverberano su di essa. Ad esempio, se il mio corpo è ferito o è accarezzato la mia anima ne risente. Più in generale, il corpo, che è sessuato, determina non solo l’aspetto fisico, ma anche la personalità, il carattere, l’emotività, il modo di reagire, il modo di ragionare, ecc., che negli uomini sono generalmente diversi da quelli delle donne.
1.2.1. Il dualista antropologico anche qui può ribattere che anche le condizioni di un contenitore incidono sul contenuto: se una bottiglia di vetro riceve calore dall’esterno lo trasmette all’acqua che c’è dentro di essa e la scalda. Ma se una bottiglia viene rigata/accarezzata l’acqua non ne risente, mentre se il mio corpo viene rigato-ferito/accarezzato la mia anima ne risente.
2. In alcune varianti del reincarnazionismo anima e corpo sono come prigione (corpo) e prigioniero (anima).
Ora, questa variante comporta di nuovo i problemi già segnalati (al 1.1.1. e al 1.2.1.), ed inoltre ne comporta un altro. Infatti, l’anima è capace, almeno in certi casi, di dirigere- governare il corpo: decido di alzare un braccio e lo alzo, decido di alzarmi e mi alzo, ecc. Ma, allora, come può il prigioniero dirigere e governare la prigione?
3. Nel reincarnazionismo l’anima perde la conoscenza delle esistenze precedenti quando scende nel corpo; ma, poi, è proprio il corpo che, attraverso l’esperienza, le fa acquisire le nuove conoscenze. In tal modo, il corpo è ciò che fa perdere la conoscenza e ciò che la fa acquisire, il che è problematico quanto l’esistenza di una matita che lascia dei segni sulla carta e che inoltre li cancella (una matita non può cancellarli in quanto matita, bensì solo se ad essa è attaccata una gomma).
4. In alcune versioni del reincarnazionismo l’anima umana si reincarna anche in corpi animali o vegetali o inorganici per espiare una colpa commessa nelle esistenze precedenti.
4.1. Se scendendo in tali esseri non umani l’anima perde consapevolezza, insorge un nuovo problema. Infatti, l’espiazione richiede afflizione, ma non ci può essere afflizione se non c’è consapevolezza: io non espio alcunché se qualcuno mi commina una punizione che non mi accorgo affatto di scontare.
4.2. Se invece scendendo nei corpi l’anima conserva la consapevolezza, il problema 4.1. non c’è, ma se ne aggiunge un altro, perché è già problematico affermare che animali, vegetali e corpi inorganici hanno consapevolezza.

IL TIMONE – Settembre/Ottobre 2010 (pag. 30-31)