mercoledì 30 novembre 2022
  • 0
NEWS 24 Giugno 2022    di Redazione

Roma, 1959, un esorcista incontra il Sacro Cuore

In definitiva, le autorità civili non risolveranno i nostri problemi spirituali. Dovremmo pregare e digiunare per loro e per una forte guida nella nostra Chiesa, ma possiamo anche creare una fortezza di protezione spirituale ponendoci sotto la sovranità del Sacro Cuore di Gesù. Gesù ha rivelato la portata del suo ardente amore per noi attraverso visioni a Santa Margherita Maria Alacoque , una suora di Paray-le-Monial, in Francia, nel XVII secolo. La devozione al Sacro Cuore ha effettivamente fatto parte della Chiesa nel corso della storia. Nel 1956 l’enciclica Caritate Christi Compulsi di Pio XII sulla teologia del Sacro Cuore, spiegava che la devozione all’amore di Dio risale all’Antico Testamento.

Durante le apparizioni a Santa Margherita Maria nel 1674, Gesù fece dodici promesse a coloro che onorano e diffondono la devozione al suo Sacro Cuore, una delle quali era: «Benedirò ogni casa in cui un’immagine del mio cuore sarà esposta e onorata». Ispirato da quella promessa, padre Mateo Crawley-Boevey (1875-1960), nato in Perù, iniziò a promuovere l’intronizzazione del Sacro Cuore come nostro Re il 24 agosto 1907, «per conquistare il mondo intero per il Cuore di Gesù, casa dopo casa, famiglia dopo famiglia». Ciascuno dei cinque papi che regnarono durante la vita di padre Mateo approvarono e benedissero la sua opera: San Pio X, Benedetto XV, Pio XI, Pio XII e Giovanni XXIII.

Questa antica devozione ha ripreso piede in molte famiglie cattoliche. Possiamo intronizzare il Sacro Cuore di Gesù nelle nostre case e altri luoghi, come è stato fatto anche in alcune diocesi cattoliche, proclamando la nostra fedeltà a Lui e ponendoci sotto la sua protezione divina.

L’incontro mistico di un esorcista a Roma

Mons. John Esseff, sacerdote della diocesi di Scranton, Pennsylvania, uno dei più anziani esorcisti del Paese all’età di 92 anni, ed ex direttore spirituale di Santa Teresa di Calcutta, ha dedicato il suo sacerdozio al Sacro Cuore. In una intervista ha spiegato che la sua devozione al Sacro Cuore è iniziata durante una visita a Roma nel 1959, poco dopo una cerimonia di intronizzazione nella sua canonica.

«Decisi di visitare due basiliche maggiori a Roma: Santa Maria Maggiore, e la più antica delle quattro, San Giovanni in Laterano. Quando sono entrato nella cappella del Santissimo Sacramento a San Giovanni in Laterano, ho vissuto l’esperienza di preghiera più travolgente di tutta la mia vita. Sono stato sopraffatto dalla presenza, dalla maestà, dallo stupore e dalla potenza di Dio. Era così travolgente che non riuscivo a stare in piedi. Mi sono sentito costretto in ginocchio e in un attimo mi sono prostrato per terra davanti al Santissimo Sacramento. La tremenda presenza di Dio mi colse e io tremavo e piangevo. Tutto quello che potevo dire a Dio era: “Cosa vuoi, Signore?”

Ho sentito il Signore rispondere: “Carità”. Non riuscivo a muovermi, nemmeno a muovermi. Lo stato di preghiera estatica durò a lungo. Quando mi sono orientato, mi sono alzato e mi sono avvicinato all’altare del Santissimo Sacramento. Ho avuto la stessa esperienza della presenza di Dio e sapevo che era il Signore Gesù. Ho pianto e ho gridato: “Cosa vuoi, Signore?”. “Amore”, fu la risposta. Ho aspettato a lungo per sentire cosa sarebbe potuto succedere di più. L’estasi è durata a lungo. Ho camminato davanti all’altare del Santissimo Sacramento. È iniziata una terza esperienza simile. Mi sdraiai per terra in preghiera e il Signore disse: “Insegna l’amore del mio Sacro Cuore”. Qualche tempo dopo ho sentito: “Scopri di più sul papa sepolto in questa cappella”.

Quando mi sono svegliato da questa esperienza, sapevo che avrei fatto tutto ciò che Dio voleva che facessi. Mi sono sentito piuttosto stordito. Era mattina presto quando ero entrato a San Giovanni in Laterano, ma quando mi preparai a partire era tardo pomeriggio. Un guida turistica è passata vicino a me e ho sentito la guida dire alla gente che Papa Leone XIII era sepolto in questa cappella. Mi sono guardato intorno e ho visto una tomba elevata sul muro nella cappella del Santissimo Sacramento. Rimasi e pregai davanti alla tomba. Sapevo che papa Leone aveva affrontato molte questioni sociali riguardanti i poveri e le classi lavoratrici. Dopo il mio ritorno a casa, ho fatto delle ricerche e ho appreso che l’ultimo atto del pontificato di Papa Leone è stato quello di consacrare il mondo intero al Sacro Cuore di Gesù. Capii ora che la devozione al Sacro Cuore doveva essere una parte significativa del mio sacerdozio. È diventata sia la mia devozione personale che quella che ho promosso ad altri. Gesù desidera essere re del mondo intero e io devo promuovere questa devozione a tutti.

Quando mettiamo l’immagine di Gesù in un posto d’onore e lo proclamiamo pubblicamente Signore, è un simbolo con cui mostriamo al mondo intero che questa casa è sotto il cuore di Gesù. Questo riconoscimento della regalità del cuore di Cristo su di noi non è riservato solo alle famiglie, ma è aperto a singoli, parrocchie, diocesi, comunità e istituzioni. Quando facciamo un’alleanza con il Sacro Cuore di Gesù per vivere sotto la sua regalità, accettiamo così la sua signoria sulle nostre famiglie e sul mondo.

Il Sacro Cuore accende in ogni cuore un fuoco d’amore. Se hanno Gesù, indipendentemente dalla denominazione, hanno il fuoco e quel fuoco è lo Spirito Santo. Sebbene ci sia una cerimonia tangibile per intronizzare il Sacro Cuore di Gesù, è l’impegno e la consacrazione delle famiglie, che si abbandonano completamente alla regola di Gesù che segue.

Ho intronizzato Gesù in prigione e ho assistito a trasformazioni sorprendenti. Ogni istituzione ha bisogno di essere trasformata; case giudiziarie, case di cura, manicomi, scuole, tutta la società ha bisogno di vivere la civiltà dell’amore. Nulla dovrebbe essere escluso perché tutta l’umanità anela all’amore di Dio. Ogni cuore umano è stato fatto per Gesù e la sua civiltà dell’amore. Siamo tutti, uno con l’altro, in Cristo, e non c’è nessun posto a cui Lui non appartenga». (Fonte)

Abbonati alla rivista..c’è lo sconto!

 


Potrebbe interessarti anche