domenica 25 febbraio 2024
  • 0
Sabrina Ferilli dice di volerla buttare in politica e fa uno film saffico, spot per le unioni civili
NEWS 16 Settembre 2015    

Sabrina Ferilli dice di volerla buttare in politica e fa uno film saffico, spot per le unioni civili

In un momento caldo in cui il dibattito sulle unioni civili divide la politica, il film, secondo la Ferilli ha la pretesa di mostrare al pubblico cosa sia una relazione omo anche in chiave politica: "A pensarci bene, è un tema, più che un problema, quello dell’omosessualità. Nel film proviamo a spiegare una realtà semplice ai limiti della banalità. Se passa questo messaggio, passa anche ogni paura. E ogni decisione presa dal Parlamento apparirà meno rivoluzionaria”, afferma a Io Donna, Sabrina Ferilli.

E aggiunge: "È un film politico. Ma senza la politica unta e retorica di questo Paese, senza i gruppi di gay che sfilano chiedendo di ottenere i diritti riconosciuti a tutti gli altri italiani e senza le piazze piene di famigliole che certi diritti pretendono non siano concessi. Il film è invece pieno di una normalità profonda, struggente e tenera, che – come dice la regista Maria Sole Tognazzi – sbatte un po’ “con il noioso e spesso pericoloso atteggiamento omofobo di una parte dell’Italia”. La Ferilli in particolar modo interpreta il film come una sorta di percorso educativo per chi non accetta le relazioni omo: “A pensarci bene, è un tema, più che un problema, quello dell’omosessualità. Il tabù è nelle nostre teste, nelle teste della gente. Nel film, come diceva Margherita, descriviamo la semplicità di atti, gesti, abitudini, litigi, allegrie… Proviamo a spiegare una realtà che a molti sembra speciale e che invece è semplice ai limiti della banalità.

Se passa questo messaggio, passa anche ogni paura, ogni sospetto, ogni velo d’ombra può essere cancellato. E anche per il governo, che su questa materia promette di legiferare, tutto sarà più facile, ogni decisione presa dal Parlamento apparirà meno rivoluzionaria”.