venerdì 19 aprile 2024
  • 0
Sacerdote critica l’Islam. Sarà processato per «crimini d’odio»
NEWS 16 Marzo 2024    di Paola Belletti

Sacerdote critica l’Islam. Sarà processato per «crimini d’odio»

Custodio Ballester è un sacerdote dell’arcidiocesi di Barcellona da 25 anni, attualmente vicario nella parrocchia di San Sebastian di Badalona.  In questo periodo si trova coinvolto in un processo per il quale rischia tre anni di carcere: la procuratrice di Malaga ha infatti richiesto per lui il massimo della pena, per aver commesso un cosiddetto crimine d’odio. María Teresa Verdugo accusa il sacerdote per alcune dichiarazioni fatte in una trasmissione dell’emittente Alerta Digital e risalenti al 2017. Vittime di questo presunto crimine tutti i fedeli mussulmani, stando alla definizione confusa e assai rischiosa di questo tipo di crimine che di fatto mette a processo le intenzioni.

Le dichiarazioni in questione, leggiamo nell’intervista rilasciata a Zenit Francia, si riferivano al rischio insito nell’ideologia islamista radicalizzata. Il sacerdote aveva detto che «l’Islam radicale intende distruggere la civiltà cristiana e radere al suolo l’Occidente». Sette anni fa, dunque, durante la trasmissione “la ratonera” – ovvero “trappola per topi”-  padre Custodio esponendo il proprio pensiero ha «fatto il presupposto che in effetti l’Islam radicale abbia l’intenzione di distruggere l’Europa e quindi di annientare l’Occidente». Ha inoltre specificato come fosse da supporre che, «in questo ambiente islamista, non tutti siano in grado di commettere atti violenti, ma che purtroppo coloro che si immolano e portano con sé coloro che considerano “infedeli” sono considerati santi».

Tali dichiarazioni hanno suscitato la reazione dell’associazione “Musulmani contro l’islamofobia” i cui membri si contano sulle dita di una mano, ma che è finanziata dai fondi pubblici del governo catalano. Ciò che il sacerdote fa notare, nel ripercorrere la vicenda, è che la sua condizione di prete cattolico lo ha reso passibile della massima pena perché particolarmente pericoloso: secondo la procuratrice Verdugo, infatti, il suo ministero gli consentirebbe di indottrinare le folle e, quindi, diciamo noi, di diffondere lo stesso odio che avrebbe prodotto le dichiarazioni per le quali è incriminato. Insieme a padre Ballestrer sono perseguiti il redattore della trasmissione e un altro sacerdote, padre Jesús Calvo. Nessuno di loro è mai stato interrogato dalla procuratrice. Ciò potrebbe farci supporre che sia una vera esperta di processi alle intenzioni, anche a distanza.

Ciò che sta capitando a questo sacerdote dimostra che ricordare che l’espressione ideologizzata e radicalizzata dell’islam costituisca un rischio per i cristiani e l’Occidente in genere (ovvero riportare gli obiettivi dichiarati stessi esponenti di tale estremismo), ed essere sacerdote cattolico, sarebbero due pessime cose, soprattutto se correlate tra loro, e perseguibili legalmente. Per questo, considera con amarezza padre Custodio, il principio di uguaglianza davanti alla legge, nel suo caso, sarebbe stato impunemente derogato.

Da prete cattolico, però, le parole che ritiene sommamente vincolanti e fonte di consolazione  sono quelle con le quali Gesù Cristo avverte tutti i suoi fedeli riguardo ai tribunali umani  ai quali saranno consegnati, non trascurando la precisa strategia difensiva da tenere in quei casi: «Non preoccupatevi di come o di che cosa dovrete dire, perché vi sarà suggerito in quel momento ciò che dovrete dire: non siete infatti voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi» (Matteo 10, 17-20).

«Sono pronto», conclude padre Custodio; e ripete un principio che dovrebbe essere caro a tutti, ovvero la libertà di pensiero e di espressione, quelle che questo processo intentato contro di lui sta apertamente minacciando: «Ho cercato di spiegare la mia visione e credo che non sia punibile, soprattutto perché non ho alluso a tutti i musulmani, perché non tutti vivono la loro fede in questo modo, e lo stesso vale per i cattolici. Ho fatto riferimento agli estremisti radicali, all’islamismo violento».

La cosa più grave di processi come questo consiste nel fatto che il reato contestato non ha oggettivi riscontri in un atto esterno, ma si riferisce alle intenzioni, ovvero a qualcosa che pertiene all’inviolabile foro interno della coscienza. Senza scomodare scenari futuri e dispotici  questa modalità è a tutti gli effetti tipica delle dittature che hanno già dato terribili prove di sé nella storia contemporanea: «[…[ l’odio non è un fatto materiale esterno, giudicano le intenzioni perché non sono andato in una moschea per provocare, ho parlato solo di intenzioni, niente di più e se giudicano le mie intenzioni allora possiamo dire che siamo in un regime stalinista o in una dittatura cubana come ai tempi di Fidel Castro», conclude il sacerdote che con la stessa lucidità e mite fermezza immaginiamo affronterà il processo.

(Fonte foto: Pexels.com/Facebook)


Potrebbe interessarti anche