martedì 20 ottobre 2020
  • 0
NEWS 16 novembre 2017    
San Giuseppe Moscati: ama la verità , senza paure e senza riguardi, a costo della persecuzione

Alcuni pensieri di san Giuseppe Moscati (1880-1927), di cui il 16 novembre la Chiesa festeggia la memoria.

 

«Ama la verità; mostrati qual sei, e senza infingimenti e senza paure e senza riguardi. E se la verità ti costa la persecuzione, e tu accettala; e se il tormento, e tu sopportalo. E se per la verità dovessi sacrificare te stesso e la tua vita, e tu sii forte nel sacrificio».

Biglietto scritto da Giuseppe Moscati il 17 ottobre 1922

 

«Gli ammalati sono le figure di Gesù Cristo. Molti sciagurati, delinquenti, bestemmiatori, vengono a capitare in ospedale per disposizione della misericordia di Dio, che li vuole salvi! Negli ospedali la missione delle suore, dei medici, degli infermieri, è di collaborare a questa infinita misericordia, aiutando, perdonando, sacrificandosi».

Foglietto scritto da Moscati, datato 17 gennaio 1922, e trovato in un libro dopo la sua morte

 

«La vita fu definita un lampo nell'eterno. E la nostra umanità, per merito del dolore di cui è pervasa, e di cui si saziò Colui che vestì la nostra carne, trascende dalla materia, e ci porta ad aspirare una felicità oltre il mondo. Beati quelli che seguono questa tendenza della coscienza, e guardano all'al di là dove saranno ricongiunti gli affetti terreni che sembrano precocemente infranti».

Da una lettera alla Sig.na Carlotta Petravella, che aveva perduto la madre. 20 gennaio 1920

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: