domenica 01 agosto 2021
  • 0
NEWS 17 marzo 2021    di Redazione

San Patrizio: Il santo che sapeva cosa significa essere uno schiavo

La schiavitù moderna è un problema duraturo. In Nigeria, dove San Patrizio è un santo patrono, il gruppo militante islamista Boko Haram è diventato famoso per i rapimenti nell’aprile 2014 di diverse centinaia di ragazze da una scuola nel nord-est del Paese. Nel dicembre 2014 i principali leader religiosi, tra cui Papa Francesco, hanno firmato una dichiarazione congiunta in Vaticano in cui viene sollecitata l’eradicazione della schiavitù moderna. Un rapporto del 2014 dell’organizzazione Walk Free ha stimato che quasi 36 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di qualche forma di schiavitù5

Tra i santi più popolari oggi non può essere escluso San Patrizio, vescovo e missionario in Irlanda. Tuttavia, pochi sanno che ha anche trascorso diversi anni come schiavo e che ha lanciato un accorato appello a favore di ragazze e ragazzi rapiti in schiavitù. Nella sua Lettera ai soldati di Coroticus, San Patrizio intendeva svergognare il generale del V secolo i cui soldati il santo dichiarò essere «macchiati di sangue, dal sangue di cristiani innocenti». Nella sua lettera ha denunciato anche coloro che «si dividono le donne battezzate indifese come premi». San Patrizio disse che non sapeva cosa lo affliggeva di più: quelli che furono uccisi, quelli che furono resi schiavi o «quelli che il diavolo ha intrappolato così profondamente».

L’appello contenuto nella sua lettera è così toccante perché San Patrizio era lui stesso un ex schiavo. È proprio lui a scrivere che i predoni irlandesi una volta lo hanno preso prigioniero dopo aver massacrato gli uomini e le donne servi della casa di suo padre. «Sapeva bene quello che stavano attraversando questi schiavi, perché lui stesso è stato vittima di un simile raid», ha detto Jennifer Paxton, una professoressa di storia che insegna al programma di studi irlandesi della Catholic University of America. «Nel V secolo questo tipo di incursione era endemica, in tutte le isole britanniche. È stato rapito da qualche parte, non sappiamo dove, nella Gran Bretagna occidentale, e portato in prigionia in Irlanda». Ed è qui che ha trascorso sei anni in prigionia a badare alle pecore per il suo padrone. «Ovviamente non ha gradito il suo tempo da schiavo e voleva che finisse», ha detto Paxton a CNA. «Quindi si è sicuramente identificato con queste vittime».

La lettera del santo è una testimonianza unica nella storia medievale. «Non abbiamo nessun altro resoconto in prima persona di qualcuno che è stato catturato dai barbari e sopravvissuto», ha spiegato il professore di storia. “Non abbiamo nient’altro di simile.” La lettera è stata scritta per essere letta ad alta voce, con la speranza che Coroticus ei suoi uomini ne avrebbero sentito parlare e sarebbero stati sottoposti alla pressione popolare. San Patrizio ha detto che coloro che ascoltano la lettera dovrebbero «non adulare queste persone» e non dovrebbero condividere cibo o bevande con loro fino a quando non liberano i loro prigionieri e «soddisfano Dio con una severa penitenza e versando lacrime».

San Patrizio divenne noto per la sua vita di sacrifici, preghiera e digiuno. Sebbene non sia stato il primo missionario cristiano in Irlanda, è ampiamente considerato come il più riuscito. Paxton ha osservato che la lettera di San Patrizio e l’altra sua opera nota, la Confessione di San Patrizio, sono «immerse nelle scritture. Fondamentalmente scrive citazioni scritturali. È così che pensa San Patrizio», ha detto. L’uso della Bibbia da parte di San Patrizio è raro in un testo medievale perché cita molte sezioni differenti della Bibbia: i Vangeli, gli Atti degli Apostoli e numerosi libri profetici. Paxton ha detto di aver trovato Patrick «una figura davvero affascinante». Nelle leggende successive divenne un “supereroe prodigio” che scacciò i serpenti dall’Irlanda e sconfisse i druidi in battaglia. «Ma il vero San Patrizio, e si capisce dai suoi stessi scritti è davvero un esempio molto più commovente e stimolante per i cristiani di oggi», ha aggiunto. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche