lunedì 26 settembre 2022
  • 0
NEWS 23 Settembre 2022    di Redazione

Santissimo Sacramento trovato intatto nel tabernacolo della chiesa bruciata

All’indomani dell’incendio che ha sventrato una chiesa in Camerun, il vescovo Aloysius Fondong della diocesi di Mamfé è entrato nelle rovine per recuperare il Santissimo Sacramento e ha trovato intatte le sacre Ostie e il ciborio che le conteneva. La notte del 16 settembre uomini armati hanno appiccato il fuoco alla chiesa di Santa Maria nella città di Nchang, situata nella diocesi di Mamfé, e hanno rapito cinque sacerdoti, una suora e tre laici.

In un video pubblicato il 21 settembre da Aid to the Church in Need (ACN), Fondong viene visto entrare nella chiesa bruciata e farsi strada tra le macerie fino a raggiungere il tabernacolo, posto su un muro accanto a una croce. Dopo aver aperto il tabernacolo, il prelato si genuflette e procede a rimuovere dal tabernacolo il ciborio contenente le Ostie consacrate. «Quello che è successo è abominevole. Stanno mettendo alla prova la pazienza di Dio», ha detto il vescovo, secondo un tweet di ACS.

Radio Evangelium della diocesi di Mamfé ha riferito che circa 60 uomini armati hanno attaccato la comunità cattolica di Nchang la notte del 16 settembre e hanno rapito cinque sacerdoti, una suora, una cuoca, un catechista e una 15enne che vive con le suore. Secondo l’agenzia vaticana Fides, l’arcivescovo di Bamenda, Andrew Nkea Fuanya, ha affermato che i rapitori hanno chiesto un riscatto. Il prelato ha commentato l’accaduto, spiegando che ci sono gruppi che vedono nella Chiesa un «facile bersaglio per fare soldi».

Tuttavia, pur dinanzi ad un fatto che resta senza dubbio tragico, il ritrovamento delle sacre Ostie intatte e del ciborio che le conteneva – incredibilmente sopravvissuti alle fiamme, come si diceva – costituisce senza dubbio un segnale molto importante. Che di certo non mancherà di fare coraggio alla comunità locale.

Abbonati alla rivista!


Potrebbe interessarti anche