venerdì 23 ottobre 2020
  • 0
NEWS 14 luglio 2014    
Scalfari non perde il vizio. Il «papa laico» del relativismo tarocca ancora le parole del Papa vero

Eugenio Scalfari è stato di nuovo sconfessato: la sua intervista a Papa Francesco non è fedele.

Dopo che a dicembre il fondatore di Repubblica aveva mal interpretato le parole del Pontefice, padre Federico Lombardi lo “bacchetta” ancora: «Non tutte le frasi riportate sono state pronunciate testualmente dal Papa», dice il portavoce vaticano. «In particolare ciò vale per due affermazioni che hanno attirato molta attenzione e che invece non sono attribuibili al Papa, e cioè che fra i pedofili vi siano cardinali e che il Papa abbia affermato con sicurezza, a proposito del celibato, le soluzioni le troverò».

Dal Vaticano, quindi, spiegano che il colloquio con Scalfari, come per i precedenti, non deve essere considerato «un'intervista nel senso abituale del termine, come se si riportasse una serie di domande e di risposte che rispecchiano con fedeltà e certezza il pensiero preciso dell’interlocutore». «Se quindi si può ritenere che nell’insieme l’articolo riporti il senso e lo spirito del colloquio fra il Santo Padre e Scalfari, occorre ribadire con forza quanto già si era detto in occasione di una precedente intervista apparsa su Repubblica, cioè che le singole espressioni riferite, nella formulazione riportata, non possono essere attribuite con sicurezza al Papa», ha precisato padre Lombardi.

Tra l'altro, fa notare il portavoce, «nell’articolo queste due affermazioni», cioè quella sui cardinali e quella sul celibato dei sacerdoti, «vengono chiaramente attribuite al Papa ma, curiosamente, le virgolette vengono aperte prima, ma poi non vengono chiuse. Semplicemente mancano le virgolette di chiusura... Dimenticanza o esplicito riconoscimento che si sta facendo una manipolazione per i lettori ingenui?».

La controversia riguarda l’intervista a Papa Francesco rilasciata al quotidiano la Repubblica il 13 luglio.

 


Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: