mercoledì 28 settembre 2022
  • 0
NEWS 14 Luglio 2022    di Giuliano Guzzo

Scalfari ora è al faccia a faccia che conta. Quello con Dio

Eugenio Scalfari se n’è andato. A 98 anni colui che – scomparsi Montanelli, Biagi e Bocca – era rimasto l’ultimo grande vecchio del giornalismo italiano, è morto oggi. Classe 1924, «Barbapapà», come ironicamente lo chiamavano i critici, è stato un po’ tutto e il suo contrario: fascista da ragazzo e antifascista il resto dell’esistenza, giornalista e al tempo stesso manager, nemico politico di Bettino Craxi e Silvio Berlusconi e, in seguito, interlocutore affascinato da Papa Francesco.

Ma soprattutto, Scalfari è stato il padre de L’Espresso e Repubblica, ossia d’una micidiale macchina da guerra editoriale laicista; e che, inutile negarlo, tanto, anzi tantissimo male ha fatto a questo Paese, promuovendo tutte quelle concezioni e quelle pratiche – dal divorzio all’aborto di Stato, dalla fecondazione extracorporea fino all’eutanasia – che hanno indubbiamente nuociuto l’Italia, ideologizzando anzitutto la classe dirigente e colta che, alla fonte scalfariana, si è abbeverata: magistratura, professori universitari, medici, insegnanti.

Ciò nonostante, chi ci lascia oggi oggi – tornando a quello che si diceva poc’anzi – è stato davvero tutto e il suo contrario; perché se da un lato è stato un maestro di giornalismo (anche se forse più di industria editoriale), dall’altro è stato anche uno che, per tutta la vita, ha preso la più grande cantonata che un cronista possa prendere, evitando di dare una notizia e di raccontare un fatto che sono la notizia e il fatto più importanti della storia: Gesù Cristo è vivo. Certo, Scalfari si è fatto incuriosire dal cristianesimo.

Da questo punto di vista, i dialoghi che ha avuto ripetute volte con Papa Francesco non possono che avergli giovato. Eppure di una sua conversione, purtroppo, egli non ha mai lasciato intendere nulla. Zero. Per questo motivo, ora che si trova immerso nel faccia a faccia che più conta in assoluto, quello con Dio, speriamo per Scalfari, come del resto per tutti – perché guareschianamente non odiamo nessuno, neppure chi così a lungo ha messo i suoi talenti al servizio di cause malvagie -, che adesso Dio abbia pietà di lui; e gli perdoni quella grandiosa notizia ignorata.

Abbonati alla rivista!


Potrebbe interessarti anche