giovedì 24 settembre 2020
  • 0
NEWS 8 giugno 2020    di Redazione
Sindaco di New York: proteste permesse, ma non gli incontri religiosi

Il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha dichiarato martedì che le proteste in corso nella città meritano eccezioni ai regolamenti sul coronavirus, mentre i servizi religiosi no.

Le osservazioni del sindaco hanno portato critiche dall’arcidiocesi di New York. «Quando vedi una nazione, un’intera nazione, alle prese con una straordinaria crisi seminata in 400 anni di razzismo americano, mi dispiace, non è la stessa cosa del proprietario del negozio che vuole riaprire o della persona religiosa devota che vuole andare di nuovo nei luoghi di culto», ha detto de Blasio in una conferenza stampa del 2 giugno, mentre difende la sua politica di consentire proteste di massa continuando a limitare le riunioni religiose durante la pandemia di coronavirus.

Mercoledì scorso, Ed Mechmann, direttore delle public policy per l’arcidiocesi di New York, ha affermato che la politica del sindaco mostra che la libertà religiosa è ora considerata con priorità molto bassa in città. «È chiaro che agli occhi dei nostri funzionari governativi, il punto di vista politicamente corretto dell’antirazzismo è favorito e permesso, mentre quello impopolare del culto religioso è sminuito e denigrato», ha scritto Mechmann sul sito web dell’arcidiocesi il 3 giugno. Con i diversi standard della città per le proteste e le riunioni religiose, Mechmann ha affermato: «ci è stata ancora una volta data la prova che la libertà religiosa è un diritto di seconda classe».

New York è stata posta sotto un rigoroso ordine di dimora obbligatoria a casa a partire dal 22 marzo, ed è solo ora nelle prime fasi della riapertura degli spazi pubblici. Secondo il dipartimento di sanità pubblica dello stato, la città non entrerà nella “fase uno” della riapertura fino all’8 giugno. Ai newyorkesi viene chiesto di «indossare una maschera e mantenere una distanza di 6 piedi in pubblico». Nel frattempo, i manifestanti si sono radunati di notte a migliaia in tutta la città per manifestare contro il razzismo e la brutalità della polizia dopo la morte del 25 maggio di George Floyd in custodia di polizia.

Mechmann ha elogiato le proteste pacifiche in città, ma ha osservato che gli americani hanno anche il diritto al libero esercizio della religione. Onorare un diritto ignorando l’altro, ha detto, è discriminatorio. «Questa non è più una questione di leggi neutrali sulla salute pubblica che vengono generalmente applicate a tutti senza discriminazioni. Questa è indifferenza e incomprensione nella migliore delle ipotesi, distorsione e discriminazione nella peggiore delle ipotesi», ha scritto Meechmann. «Il diritto all’assemblea pacifica, alla libertà di parola e alla petizione al governo per la riparazione di rimostranze sono proprio lì nel Primo Emendamento», ha affermato. «Ho marciato per le cause che sostengo, quindi supporto gli altri quando fanno lo stesso».

In coincidenza con le manifestazioni, New York City ha visto violenze, atti vandalici e saccheggi in città per diversi giorni. Il NYPD ha dichiarato di aver fatto più di 900 arresti solo lunedì e martedì. Secondo i media, la figlia del sindaco de Blasio è stata arrestata sabato insieme ad altri 100 manifestanti in una manifestazione che ha visto le strade bloccate e lancio di oggetti contro la polizia. Dopo che, secondo quanto riferito, le è stato rilasciato una multa per comportamento disordinato, il sindaco de Blasio ha dichiarato di credere che sua figlia avesse protestato pacificamente e che era «orgoglioso di lei dato che le importa così tanto che è disposta a uscire e fare qualcosa al riguardo».

Giovedì, il sindaco ha annunciato che presto i ristoranti della città potranno servire i clienti all’aperto. «I ristoranti di New York fanno parte di ciò che ci rende la più grande città del mondo. Hanno preso un brutto colpo nella nostra lotta contro COVID-19 – e non c’è recupero senza di loro», ha dichiarato de Blasio. Le chiese non sono in programma di riaprire completamente fino alla quarta fase del programma di riapertura dello stato, insieme a scuole, teatri e luoghi di intrattenimento. La messa pubblica nell’arcidiocesi di New York è stata sospesa da marzo per impedire la diffusione del coronavirus. Le chiese della città sono aperte alla preghiera privata, ma non alle messe pubbliche.

Il sindaco de Blasio ha già affrontato critiche per il suo trattamento dei luoghi di culto durante la pandemia di coronavirus, minacciando arresti di massa o persino la chiusura permanente di chiese e sinagoghe che non rispettavano gli ordini pubblici. Il 27 marzo, il sindaco ha richiamato un «piccolo numero di comunità religiose, chiese specifiche e sinagoghe specifiche» per aver continuato a tenere servizi durante l’ordine di soggiorno a New York. Se i servizi continuassero, ha detto, «i nostri agenti di polizia» li bloccheranno, e avrebbe minacciato multe e persino la chiusura permanente dei luoghi di culto in caso di ulteriore disobbedienza dell’ordine.

Quando migliaia di persone si radunarono per piangere al funerale di un rabbino chassidico a Brooklyn alla fine di aprile, de Blasio dichiarò che il raduno di massa era «assolutamente inaccettabile». Ha minacciato arresti di massa in caso di futuri incontri religiosi. «Il mio messaggio alla comunità ebraica e a tutte le comunità è semplice: è passato il tempo degli avvertimenti. Ho incaricato il NYPD di procedere immediatamente alla convocazione o addirittura all’arresto di coloro che si radunano in grandi gruppi», ha twittato.

Alla fine di una conferenza stampa del 3 giugno, de Blasio ha citato la canzone del 1971 “Imagine” di John Lennon per discutere della situazione in città. La canzone immagina un mondo perfetto in cui non c’è “nessun paradiso” e “nessuna religione”. De Blasio ha detto che la canzone pone domande essenziali «su un mondo in cui le persone convivono diversamente. Ma non ci siamo ancora. Ma credo davvero che stiamo facendo progressi», ha detto. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: