domenica 27 settembre 2020
  • 0
NEWS 27 maggio 2020    di Redazione
Stampa e polizia, il fango sul caso Pell viene a galla

Un giudice, nello stato australiano di Victoria, ha proposto di iniziare un processo a novembre per perseguire i giornalisti e gli organi di stampa che hanno violato il divieto di denuncia imposto dal tribunale riguardo al processo del cardinale George Pell nel 2018. Il giudice John Dixon della Corte Suprema di Victoria ha dichiarato martedì che il processo potrebbe iniziare il 9 novembre, ma i procuratori e gli avvocati dei giornalisti continuano a contestare i termini del processo. I pubblici ministeri affermano che 19 persone e 21 mezzi di informazione stranieri hanno violato l’ordine di silenzio e stanno cercando di fare un unico processo. Gli avvocati che rappresentano i giornalisti accusati sostengono, invece, che i singoli processi debbano essere svolti separatamente. Le sanzioni per la violazione degli ordini di una corte includono multe fino a 100.000 dollari australiani ($ 66.000) e cinque anni di carcere per singoli individui.

Nel dicembre 2018, il cardinale Pell è stato condannato per cinque accuse di abuso sessuale di minori da un tribunale di Victoria. Il suo caso è stato ascoltato in appello, dove è stata confermata la condanna, prima che venisse annullata dall’Alta corte australiana nell’aprile di quest’anno, liberando Pell dopo più di un anno di carcere.

Nel 2018, la polizia di Victoria ha portato diverse accuse contro Pell legate al tempo in cui era arcivescovo di Melbourne e come sacerdote nella diocesi di Ballarat. Su richiesta dei pubblici ministeri, quel processo era soggetto a un ampio ordine di silenzio, con i media a cui era vietato riferire qualsiasi cosa avesse a che fare con il caso. Il divieto è stato abbandonato a febbraio 2019, dopo che i pubblici ministeri hanno fatto cadere le accuse ammettendo che non c’erano prove sufficienti per andare a processo. Nonostante il divieto di divulgare informazioni sul processo, diversi media internazionali, tra cui Catholic news agency (CNA), hanno riportato notizie del processo e del verdetto nel 2018, in alcuni casi bloccando tale copertura mediatica dall’apparire online in Australia per ottemperare all’ordine del tribunale. I media nazionali in Australia hanno per lo più rispettato l’ordine del tribunale, anche se alcuni media hanno riferito che un individuo di alto profilo senza nome era stato condannato con serie accuse.

Al tempo della condanna di Pell, il giudice Peter Kidd, che ha presieduto il processo iniziale, ha affermato che «un numero di persone molto importanti nei media si troverà ad affrontare, se ritenuto colpevole, la prospettiva di una pena detentiva e di una detenzione sostanziale, e potrebbe anche essere che molti membri significativi della comunità dei media si trovino in quella posizione potenziale», per aver violato l’ordine di silenzio. Il 15 aprile, la Victoria County Court ha tenuto una prima udienza in cui i procuratori statali hanno presentato le accuse contro giornalisti e organi di stampa, inclusi alcuni dei più grandi nomi dei media australiani, tra cui il quotidiano The Age e diverse pubblicazioni di News Corp. La prossima udienza è fissata per luglio.

La CNA ha precedentemente riferito che nel 2014 la polizia a Victoria ha discusso dell’uso di un’indagine sul cardinale Pell per distrarre l’attenzione dei media da gravi accuse di corruzione a suo carico. In uno scambio di e-mail del 2014, l’allora vice commissario Graham Ashton e Charlie Morton, vicedirettore dei media e delle comunicazioni aziendali per il dipartimento di polizia di Victoria, hanno discusso di come rispondere a uno scandalo di alto profilo che ostacolerebbe la credibilità delle operazioni di polizia di Victoria. In una e-mail del 1 ° aprile 2014, Morton ha consigliato ad Ashton di non fare la sua comparsa sui media in risposta allo scandalo «Avvocato X», perché i prossimi annunci sul cardinale Pell potrebbero distrarre i media e l’attenzione del pubblico. «La roba di Pell arriverà domani e finirà in questo modo sulla prima pagina», ha scritto Morton ad Ashton.

Nel 2013, la polizia di Victoria ha aperto l’Operazione Tethering, un’inchiesta sui possibili crimini del cardinale Pell, anche se nessuna vittima si era fatta avanti contro di lui e non c’erano state denunce penali a suo tempo. Sebbene non abbiano trovato vittime o accuse penali, nel 2015 le accuse sono state ampliate e hanno assunto una base più formale. Ashton, ora è il commissario capo della Victoria Police. Nel 2019 ha fornito prove in un’indagine della Commissione reale sull’uso delle fonti di polizia e sullo scandalo dell’avvocato X, in cui l’avvocato difensore Nicola Gobbo è stato reclutato per lavorare come informatore contro i membri della mafia calabrese, mentre ne rappresentava diversi come avvocato. Gran parte del lavoro di Gobbo come avvocato è stato con membri australiani della Ndrangheta, l’organizzazione mafiosa calabrese, che ha stabilito una profonda presenza sia a Victoria che in tutto il paese, con accuse di tangenti da milioni di dollari ai giudici e stretti legami con la politica locale, in entrambi i partiti politici.

Il legame tra le filiali italiana e australiana dell’organizzazione è noto per essere stretto e attivo. La polizia di Victoria è stata oggetto di numerosi scandali nel corso degli anni. Oltre alle accuse relative a Gobbo, un rapporto del 2017 ha rilevato che quasi la metà (46%) dei dipendenti della Victoria Police ritiene che subirebbero ripercussioni personali se denunciassero la corruzione, con quasi uno su cinque che affermava che sarebbe costato loro il lavoro. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: