martedì 16 agosto 2022
  • 0
NEWS 2 Febbraio 2017    

Trionfa la «post-verità », ma la scienza sopravvive solo se c’è una «verità  materiale» fuori di noi

Il tema della verità (e quindi del suo contrario, la menzogna) ha attraversato la riflessione nelle e sulle scienze naturali per secoli. Per comodità, e senza errare di molto, definiamo “post-verità” una menzogna che riscuote un ampio seguito e lasciamo cadere la mistificazione (diffusa fra quei falsi amici della scienza molto numerosi tra le sedicenti élite) che questo sia un fenomeno recente legato all’imbarbarimento delle masse (le stesse che sono sante e illuminate quando seguono le sopra menzionate élite).

La scienza può sopravvivere solo se esiste una “verità materiale” fuori da noi che le renda feconde (il vero segno distintivo della vera opera scientifica).

Alessandro Giuliani lavora nell' Istituto Superiore di Sanità dove si occupa della modellizzazione matematica e statistica di sistemi biologici, fa parte del corpo docente del dottorato di ricerca in Biofisica dell' Università “La Sapienza” di Roma e collabora sia con l' Università Keio di Tokio sia con l' Università Rush di Chicago.

In un ampio e profondo articolo spiega e illustra alcune questioni di gran peso.