lunedì 06 dicembre 2021
  • 0
NEWS 22 Novembre 2021    di Redazione

Un film cattolico sul genocidio ruandese rivela l’avvertimento inascoltato di Maria

L’abbattimento dell’aereo del presidente ruandese Habyarimana il 6 aprile 1994 sopra la capitale ruandese Kigali ha scatenato un bagno di sangue su una scala mai vista prima in Ruanda. Nel giro di un centinaio di giorni circa 800.000 persone, principalmente tutsi, furono uccise dalla milizia hutu. Sebbene la comunità internazionale, compresi gli Stati membri dell’Ue, avesse a lungo negato la dimensione genocida di questa violenza, la brutalità e i pericoli erano evidenti fin dall’inizio.

Il genocidio ruandese avvenne tra il 7 aprile e il 15 luglio 1994 durante la guerra civile ruandese.  Le stime per il totale delle vittime (comprese le vittime hutu e twa) arrivano a  1.100.000 di persone. La menzione del genocidio ruandese del 1994 accende i ricordi di uno delle peggiori tragedie di violenza nel mondo. Non molti, però, sanno che la Vergine Maria ha avvertito del disastro attraverso una serie di apparizioni.

Nel nuovo docufilm di EWTN, Kibeho: Listen My Children, si dice che la Madre di Dio abbia avvertito il Ruanda del disastro attraverso tre studentesse circa 12 anni prima che accadesse. Il docudrama è una produzione originale di EWTN, che debutterà il prossimo 24 novembre. Il film porta in vita testimonianze delle apparizioni di Maria di decenni fa, mostrando filmati delle vere studentesse ruandesi che ricevettero i messaggi della Madonna, purtroppo inascoltati. Un rapporto condiviso con ACI Africa prima della presentazione del nuovo film EWTN indica che l’autrice pluripremiata, Immaculée IIlibagiza, sopravvissuta al genocidio, appare in primo piano nel docudrama.

«Immaculée è la donna che ha raccontato al mondo il genocidio nel libro best-seller del 2017, Left to Tell, che è stato successivamente trasformato in un noto docudrama con lo stesso nome», afferma Michelle Johnson, direttore delle comunicazioni presso l’EWTN Global Catholic Network. La signora Johnson aggiunge: «Oltre alle osservazioni di Immaculée, il docudrama include filmati delle vere veggenti, studentesse ruandesi, la tortura mentale che hanno subito da parte di coloro che non hanno creduto loro, i medici che sono stati incaricati di determinare se fossero malate di mente e i funzionari della chiesa che hanno preso la decisione finale».

Il docudrama EWTN esplora le visioni di distruzione, tortura e carneficina umana, nonché un fiume di sangue che è stato visto da una delle studentesse nelle apparizioni con Maria, a cui è stato anche dato il titolo di “Nostra Signora di Kibeho”. Kibeho è una città nella parte meridionale del Ruanda che ha ottenuto riconoscimenti in tutto il mondo a causa delle apparizioni della Beata Vergine Maria avvenute dal 28 novembre 1981. The Guardian riferisce che tutto è iniziato quando la studentessa di 16 anni, Alphonsine Mumureke, che si trovava nella mensa del collegio cattolico Kibeho College, in Ruanda, ha detto di aver sentito una voce «morbida come l’aria e più dolce della musica».

Alphonsine ha detto di aver visto una bella donna «né bianca né nera” fluttuare sopra il pavimento in un abito fluente senza cuciture, con un velo che le copriva i capelli. La donna non indossava scarpe. “Chi sei?”» Alphonsine ha chiesto. La donna che in seguito si identificò come la Beata Vergine Maria rispose: «Sono la madre della parola», prima di emettere un terribile avvertimento: il Ruanda stava per diventare un inferno sulla Terra in un conflitto che avrebbe visto i fiumi del villaggio di Kibeho diventare rossi di sangue. Quando Alphonsine riferì ciò che aveva visto  i suoi amici la presero in gito; i suoi insegnanti la rimproverarono e i membri del suo villaggio iniziarono ad evitarla.  Immaculée dice che Alphonsine era una ragazza “normale”, non conosciuta per la sua pietà, quindi nessuno le credeva. «Sfortunatamente, la loro incredulità si è trasformata in persecuzione fisica. La ragazza ha quindi pregato la Madonna di apparire anche ad un’altra ragazza in modo che fosse creduta», scrive la signora Johnson di EWTN.

Il 12 gennaio 1982, la Madonna rispose alla preghiera di Alphonsine apparendo a Nathalie Mukamazimpaka, una compagna di studi con una reputazione eccellente che era nota per la sua pietà. EWTN riferisce che le cose iniziarono a migliorare un po’, ma che c’erano ancora molti che non credevano alle ragazze. Un’altra ragazza di nome Marie Claire Mukangango fu la terza a ricevere un’apparizione il 2 marzo 1982. Durante un’apparizione con Marie Claire la Madonna ha trascorso molto tempo a piangere e «ha detto che era triste perché così tanti non credevano ai suoi avvertimenti». Fu Marie Claire a cui la Madonna diede le visioni di «distruzione, tortura e selvaggia carneficina umana».

«Quelle visioni erano, naturalmente, un’anteprima del genocidio che avrebbe fatto a pezzi il paese una dozzina di anni dopo», sostiene EWTN, aggiungendo: «In effetti, i resoconti online della storia di questo conflitto sono stranamente preveggenti dei problemi che persistono nel mondo di oggi». Il rapporto EWTN indica inoltre che la visione di uno dei veggenti è stata così terrificante che la ragazza ha detto alla Madonna che per la paura non sarebbe mai più stata in grado di dormire.

Nostra Signora di Kibeho ha chiesto al popolo del Ruanda di pregare il Rosario dei Sette Dolori, una devozione data a Santa Brigida secoli prima, che era stata in gran parte dimenticata. «Durante il genocidio, le suore della scuola conventuale frequentata dalle veggenti pregavano questo rosario dalla mattina alla sera. Sono tutti sopravvissuti al bagno di sangue», riporta EWTN.

«Marie Claire è stata portata anche in un viaggio nei tre luoghi di cui i cattolici sentono così spesso parlare», dice la signora John nel rapporto, aggiungendo che il primo era un luogo in cui le persone erano in terribile dolore ed estremamente arrabbiate. Si dice che la Madonna abbia detto a Marie Claire che il posto era «per coloro che soffriranno eternamente, che non saranno mai perdonati». Marie Claire è stata poi portata in un luogo dove c’era poca luce, e dove c’era sofferenza, ma meno che nel primo luogo, e «dove la gente sembrava aspettarsi che qualcuno venisse ad aiutarli». Alla fine, fu portata in un luogo con una bella luce, più luminosa del sole, dove poteva sentire belle voci. Le è stato detto che era per «coloro che hanno la luce nel cuore, il posto di coloro che rispettano Dio».

Il direttore delle comunicazioni dell’EWTN riferisce che quando Marie Claire ha chiesto alla Madonna perché le aveva mostrato questi luoghi, la Madonna ha detto: «Ti ho mostrato questo in modo che tu sappia che la vita che conta di più è ciò che verrà dopo questa vita sulla terra. Vai e dillo a tutti. Incoraggiali a vivere nel modo giusto. Avvisa loro che vivere senza rispettare Dio è una perdita di tempo. Se ne pentiranno amaramente». La Madonna ha aggiunto: «Dovete dire alla gente che questi luoghi esistono davvero. Rifiutare Gesù è rifiutare il paradiso».

(Fonte)

 


Potrebbe interessarti anche