venerdì 22 ottobre 2021
  • 0
NEWS 3 giugno 2021    di Redazione

Un grido dall’Africa: c’è un neocolonialismo maltusiano

Pubblicato nel giorno di Pentecoste, lo scorso 23 maggio, il documento dei vescovi del Burkina-Faso e Niger è intitolato “Per una autentica promozione del diritto alla vita secondo il disegno di Dio”. Dall’Africa, ancora una volta, si alza una voce chiara, ma il mondo “sviluppato” saprà ascoltare il grido dei “poveri”? Oppure nuove forme di colonizzazione si travestono da aiuti umanitari?

I vescovi africani, infatti, sembrano voler mettere in guardia i fedeli dai lupi che si travestono da agnelli. «Si vedono», scrivono nel documento, «iniziative, molteplici e diverse, che si prefiggono il compito di difendere e promuovere la vita umana. Se questo impegno quasi universale per la vita è decisivo e necessario, bisogna tuttavia riconoscere che negli ultimi decenni si sono manifestate nella pratica notevoli divergenze, anche vere opposizioni, che portano a mettere in discussione le esigenze e le condizioni per un’autentica promozione della vita umana nella sua stessa dignità».

«Negli ultimi anni il dibattito è cresciuto in diversità e complessità, soprattutto per quanto riguarda le politiche demografiche e la pianificazione demografica per lo sviluppo. L’idea che tutti abbiano un “diritto” alla vita è diventata molto più problematica», si legge nel testo.

«Ciò che caratterizza il nostro tempo è la globalizzazione del dibattito, e la volontà di imporre ai paesi poveri, attraverso le politiche demografiche, una via da seguire nell’area della popolazione, perché convinti che tutti i problemi dei paesi poveri nascano dal loro eccesso [demografico]. Così, paesi come il Burkina Faso e il Niger hanno ritenuto, già nell’anno 1989, che la fertilità e la loro crescita demografica fossero troppo elevate e che fosse necessario intervenire […]. Per ora, i benefici del calo della fertilità e della crescita più lenta della popolazione non si fanno sentire. Piuttosto, gli svantaggi sono i più evidenti. La riduzione della crescita demografica innescherà davvero lo sviluppo economico dei nostri paesi? Gli studi mostrano che stiamo assistendo piuttosto a quello che viene chiamato malthusianesimo della povertà, vale a dire un calo della fertilità in un contesto di povertà, le popolazioni che rimangono ancora povere nonostante il loro calo numerico».

ABORTO E CONTRACCEZIONE BARATTATE PER SVILUPPO

«Impegnati a promuovere il diritto alla vita e alla libertà, il Burkina Faso e il Niger, al seguito di altri Paesi africani, hanno adottato e applicano, anche in modo brutale e aperto, i mezzi e le strategie sviluppate durante le conferenze mondiali e oggi sostenute dalle istituzioni internazionali, dalle Ong, e da agenzie delle Nazioni Unite e governi. […] Dicono che stanno lavorando per un mondo in cui ogni gravidanza è desiderata, ogni parto sicuro, il potenziale di ogni ragazza realizzato. Lo slogan è noto: “bambino per scelta, non per sorpresa!”. E siamo orgogliosi di offrire una gamma completa di servizi in tutti i metodi di pianificazione familiare. Tutti questi obiettivi così formulati sono attraenti e qualsiasi uomo di ragione è subito incline a sostenerli, perché è proprio il servizio dell’uomo e della società. Tuttavia, in realtà, in Burkina Faso come in Niger, queste cosiddette politiche di promozione del diritto alla vita ci appaiono ben diverse. […] Attraverso il discorso sullo sviluppo umano armonizzato, le campagne di pianificazione demografica equivalgono, in realtà, al declino della fertilità e alla divulgazione dell’uso dei contraccettivi».

«Nonostante i loro apprezzabili servizi alla comunità umana, da considerare con attenzione, osserviamo che queste istituzioni internazionali pubbliche e private, così come queste ONG, incoraggiano e programmano pratiche contrarie alla vita umana. Si potrebbero citare, tra gli altri: l’Associazione Burkinabè per il Benessere Familiare (ABBEF) che fornisce contraccettivi e preservativi a basso prezzo, la cui produzione è sovvenzionata; le ONG Marie Stopes International e Pathfinder International, presenti in Burkina Faso e Niger, offrono tutti i moderni metodi di contraccezione e pretendono di difendere i diritti sessuali e riproduttivi delle comunità; senza dimenticare le lobbies pro-aborto, o più in generale ancora le lobby pro-choice, che si avvalgono degli argomenti della tutela delle donne, della lotta alla povertà, e tutela dell’ambiente. Tutte queste organizzazioni e associazioni non fanno mistero del loro sostegno alla contraccezione ormonale e alla sterilizzazione. Se sono discreti sull’aborto, non esitano a raccomandare il dispositivo intrauterino, così come i farmaci più recenti il ​​cui effetto è contraccettivo, o barriera, o anti-nidificazione. Vanno oltre il loro mandato, con giustificazioni economiche di base, per dare la loro approvazione a programmi ostili alla vita e per propagare attraverso canali educativi, motivazioni che giustificano il controllo delle nascite. […] Per loro, ” la divulgazione della contraccezione e la limitazione della natalità con i mezzi più efficaci sarebbero per i paesi poveri un presupposto essenziale per il loro sviluppo ”».

MOLTEPLICI MINACCE ALLA VITA

«…è importante osservare con grande umiltà e coscienza viva, che il nostro tempo è più che mai segnato da molteplici e multiformi minacce alla vita. […] La sterilizzazione con la quale la vita viene inaridita alla fonte diventa popolare e diventa un luogo comune. La contraccezione, la cui pratica più comune è l’uso del preservativo, separa il fine unitivo dal fine riproduttivo dell’unione coniugale, e merita di essere menzionato come atteggiamento di chiusura alla vita. Tuttavia, molte organizzazioni internazionali accolgono con favore la sua estensione e il suo utilizzo sempre maggiori; che apre la strada a una mentalità abortiva. L’omosessualità e la tossicodipendenza hanno effetti dannosi sulla vita, in quanto l’una porta a stili di vita che negano la vita e l’altra a comportamenti di asocialità che portano all’autodistruzione. Infedeltà coniugale, adulterio, “il sistema dei padroni e delle amanti” stanno vivendo una divulgazione allarmante; stupri, incesti, pedofilia e persino bestialità non sono più rari […]».

«I nostri Paesi possono e devono ammettere, a ragione, la promozione di una qualche forma di regolazione demografica o di pianificazione familiare in quanto significano distanziare le nascite e quindi una salute migliore per madri e bambini, gestione responsabile della vita. Però noi cristiani non possiamo perseguire questi obiettivi con qualsiasi mezzo» […].

I vescovi concludono con alcune esortazioni, tra cui quella di «esercitare per quanto possibile, secondo le disposizioni di legge, il proprio diritto all’obiezione di coscienza e di rifiutare ogni collaborazione “formale” a tutto ciò che compromette la vita umana; se vi capita di cooperare “materialmente” a causa delle vostre responsabilità, è importante che chiariate i requisiti della nostra fede».


Potrebbe interessarti anche