giovedì 13 maggio 2021
  • 0
NEWS 4 marzo 2021    di Redazione

Santo Domingo, i vescovi organizzano un rally per dire no all’aborto

Ora che l’Argentina ha legalizzato l’aborto, la Repubblica Dominicana è uno degli ultimi quattro paesi dell’America Latina a proteggere completamente la vita dei bambini non nati. Gli altri sono Honduras, Nicaragua e El Salvador. Tuttavia, ci sono pressioni sul governo per allentare il divieto totale di aborto. Gli attivisti hanno utilizzato la revisione generale del codice penale della Repubblica Dominicana, che risale al 1884, come opportunità per chiedere l’aborto legale nel Paese. La lobby dell’aborto vuole che il governo approvi una legislazione che consenta l’uccisione del nascituro la cui esistenza “minaccia la vita di sua madre”, che è stato concepito durante uno stupro o un incesto, o che è “improbabile che viva per più di un mese dopo la nascita”. Fortunatamente, il diritto alla vita dal concepimento fino alla morte naturale è preservato nella “bella” Costituzione della Repubblica Dominicana, quindi «la corte costituzionale è la nostra voce in questo», ha spiegato il vescovo. Masalles ha anche ricordato che i cattolici lavorano da 20 anni per mantenere l’aborto illegale e sebbene finora ci siano riusciti, le persone pro-vita nella Repubblica Dominicana non sono certe che il divieto totale di aborto sarà rispettato.

«In questo momento, il governo sta per rivedere il codice penale senza cambiare la legge sull’aborto, ma ci sono persone che stanno cercando di inserire l’aborto nelle revisioni», ha detto il vescovo di Baní. «Noi pensiamo che il Congresso approverà questo codice penale senza legalizzare l’aborto, ma non ne siamo sicuri», ha continuato. «Dobbiamo spingere, ed è per questo che stiamo organizzando un rally automobilistico». Il vescovo ritiene che la manifestazione dimostrerà sostegno ai membri del Congresso che “finalmente” firmeranno il codice penale rinnovato, senza legalizzare l’aborto, e contrasteranno le pressioni degli attivisti abortisti. Il presidente del senato, Eduard Estrella, è pro-vita, ha detto Masalles, come la maggior parte dei senatori. Tuttavia, ci sono due camere nel congresso della Repubblica Dominicana, e i membri della camera dei deputati sono più propensi ad ascoltare la lobby sull’aborto. «Non si sa mai cosa succederà con loro», ha detto il vescovo. «Le femministe hanno esercitato molta pressione», ha aggiunto. «Questo è il problema».

Masalles ha detto che la lobby locale per l’aborto è molto piccola e tuttavia ha «molti soldi» e «molto potere». Date le sue piccole dimensioni, non si capisce perché hanno «così tanto potere». Il denaro di solito arriva dalle ONG, tramite le Nazioni Unite, che chiamano i diritti dell’aborto “diritti umani”. «Ricevono più di un milione di dollari ogni anno per promuovere l’aborto», ha rivelato il vescovo. Ha respinto le affermazioni della lobby per l’aborto secondo cui centinaia di donne nella Repubblica Dominicana muoiono per aborti illegali, dicendo che stanno solo cercando di controllare la percezione delle persone. «Ci sono aborti illegali, ma non è vero che molte donne muoiono abortendo. Le femministe usano gli stessi numeri per tutti i paesi», ha detto Masalles. «Dicono che ci sono 5.000 aborti illegali ogni anno. Non è vero. Non è giusto. Ci sono aborti illegali, ma non 5.000 e non centinaia di donne che muoiono per aver abortito. Non è vero. Questi sono i media che lavorano con le percezioni delle persone. Questo è il problema».

Masalles è anche interessato a risolvere problemi di vecchia data nel paese come le pressioni sulle ragazze affinché facciano sesso, che portano a gravidanze adolescenziali e anche a violenze brutali. Crede che la risposta stia nella “educazione socialmente affettiva”. «In questo momento sto promuovendo un programma per includere 26.000 bambini in questo tipo di educazione», ha detto, aggiungendo che dovrebbe esserci un grande miglioramento sociale in cinque anni, inclusa una grande riduzione del numero di adolescenti che rimangono incinte. «È dimostrato che questo programma riduce dell’85% la gravidanza nelle adolescenti», ha aggiunto il vescovo. Il programma si chiama “Aprendiendo a querer”, che significa “imparare ad amare”. Marsalles ha detto che aiuta i giovani a far fronte alle pressioni sociali che portano sia alla gravidanza adolescenziale che alla violenza.


Potrebbe interessarti anche