martedì 22 settembre 2020
  • 0
NEWS 6 maggio 2020    di Redazione
I vescovi degli Stati Uniti contro lo sfruttamento pornografico

Con il traffico dei siti web pornografici che aumenta mentre i paesi restano in stato di blocco a causa dell’emergenza sanitaria, i vescovi degli Stati Uniti stanno sollecitando il Dipartimento di Giustizia a proteggere le vittime della tratta e dello sfruttamento di esseri umani applicando leggi sull’oscenità e perseguendo i produttori di pornografia violenta.

«Oggi vi scriviamo per esortarvi a confrontarvi con i danni in atto provocati dall’industria della pornografia e per proteggere le sue vittime», hanno scritto i vescovi degli Stati Uniti in una lettera del 30 aprile al Dipartimento di Giustizia (DOJ). «Ciò dovrebbe includere: l’applicazione delle leggi sull’oscenità, le indagini sui produttori di pornografia e i proprietari di siti Web, la leadership nazionale nell’incoraggiare stati e località a sviluppare politiche rigorose contro l’industria e al servizio dei sopravvissuti, e altro ancora».

I vescovi hanno sottolineato come il sito pornografico Pornhub abbia fatto ondate di accessi negli ultimi mesi offrendo abbonamenti “premium” gratuiti al suo contenuto a persone in paesi in stato di blocco durante la pandemia. Pornhub afferma che nei giorni in cui le iscrizioni premium gratuite sono entrate in vigore in Italia, Francia e Spagna, il traffico in ciascun paese è aumentato rispettivamente del 57%, 38% e 61% rispetto a un “giorno medio”.

I vescovi hanno evidenziato come molte persone soffrano per i blocchi e l’isolamento, e hanno fatto eco alla chiamata di Papa Francesco a riconoscere l’importanza di «appartenere come fratelli e sorelle» nel mezzo della crisi. «La pornografia è l’antitesi di questo. Piuttosto che ricordare e amare i nostri simili come fratelli e sorelle, li rende degli oggetti – spesso sfruttandoli direttamente – e diminuisce la salute delle relazioni con gli altri», hanno scritto i vescovi, osservando che almeno 15 stati hanno dichiarato la pornografia un problema di salute pubblica.

Nel dicembre 2019, quattro membri del Congresso hanno invitato il procuratore generale William Barr a riformare la task force sull’accusa di oscenità nella divisione di giustizia penale del DOJ. La task force, fondata nel 2005 sotto l’amministrazione George W. Bush, era responsabile delle indagini e del perseguimento dei produttori di pornografia hard core in base alle leggi sull’oscenità. Eric Holder, procuratore generale sotto il presidente Barack Obama, ha sciolto la task force nel 2011. Poiché la richiesta di pornografia estrema – in gran parte includente violenza – aumenta, il lassismo o l’inosservanza delle leggi sull’oscenità «possono fornire una via di uscita per questa richiesta di “metastatizzazione”, aumentando gli incidenti di tratta, pornografia infantile, altri abusi e condizioni ingiuste più ampie», hanno scritto i vescovi.

Molti dei partecipanti ai video pornografici – anche se hanno legalmente acconsentito – «hanno dato il loro consenso … compromesso da circostanze disperate», mentre molti non hanno acconsentito affatto, hanno osservato i vescovi. Inoltre, la pornografia può avere un effetto devastante sulle famiglie, hanno scritto. Il porno fornisce un «modello terribile e anche un’aspettativa sbagliata su come le persone dovrebbero trattarsi a vicenda», specialmente per i giovani.

«Come pastori, vediamo spesso il dolore che deriva da un’abitudine pornografica», hanno concluso i vescovi. «I matrimoni feriti o addirittura rotti dall’uso della pornografia di un coniuge, che alcuni avvocati divorzisti segnalano come un fattore in oltre la metà dei loro casi, hanno un effetto a catena sui bambini e sulla società. Le famiglie forti sono necessarie per comunità forti e sicure». Il 9 marzo, il senatore Ben Sasse (R-NE) ha chiesto al procuratore generale di indagare su Pornhub, evidenziando la promozione del sito di video che mostrano l’assalto sessuale e lo stupro di una vittima della tratta di esseri umani.

Nel 2019, su Pornhub, sono apparsi almeno 58 video sugli abusi e gli stupri sessuali di una ragazza di 15 anni. La ragazza era scomparsa da un anno e secondo quanto riferito è stata costretta ad abortire. Sua madre l’ha trovata sul sito web per adulti, portando all’arresto del suo rapitore, Christopher Johnson, un trentenne della Florida. A partire dal 5 maggio, oltre 862.000 persone hanno firmato una petizione online su change.org chiedendo la chiusura di Pornhub. La petizione chiede inoltre che i suoi dirigenti siano ritenuti responsabili di presunte complicità nel traffico di esseri umani. A novembre, il fornitore di pagamenti PayPal ha tagliato bruscamente i servizi di pagamento per Pornhub.

Laila Mickelwait, ideatore della petizione e direttore di Abolition per Exodus Cry, un gruppo anti-tratta, ha dichiarato a febbraio che a causa dell’enorme quantità di contenuti su Pornhub, crede che ci siano più casi di sfruttamento sessuale e pornografia infantile di quanto è stato segnalato. Mickelwait ha dichiarato che la società proprietaria di Pornhub ha il monopolio dell’industria pornografica. «Tutti concordano sul fatto che i bambini non dovrebbero essere trafficati e violentati. Le donne non dovrebbero essere trafficate e violentate a scopo di lucro, per il piacere sessuale di miliardi di persone che visitano quel sito web. Non c’è proprio da discutere su questo», ha detto. (fonte)


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: