lunedì 06 dicembre 2021
  • 0
NEWS 15 Febbraio 2021    di Redazione

I vescovi irlandesi condannano il disegno di legge per legalizzare l’eutanasia

Il disegno di legge Dying with Dignity 2020 ha ricevuto l’opposizione della Commissione irlandese per i diritti umani e l’uguaglianza, nonché del Consiglio per la vita e il Gruppo consultivo sulla bioetica alla Conferenza episcopale cattolica. La legislazione è stata introdotta a settembre e ha ricevuto il sostegno dello Sinn Féin, dei socialdemocratici e del partito laburista.

A gennaio, la commissione irlandese per i diritti umani e l’uguaglianza ha avvertito che la legislazione mancava di serie garanzie che potrebbero portare ad abusi. La commissione ha aggiunto che le persone con disabilità potrebbero essere minacciate da questo tipo di legislazione. Ha anche chiesto un disegno di legge aggiuntivo per sancire i diritti alle cure palliative nella stessa legge. Il commissario capo Sinéad Gibney ha detto che l’assistenza di fine vita tocca il diritto alla vita e la protezione dei gruppi vulnerabili, inclusi gli anziani, i malati terminali e le persone con disabilità. «Questi sono diritti umani fondamentali e le questioni di uguaglianza e, in quanto tali, lo sviluppo di questa proposta di legge deve essere esaminata alla luce dei diritti umani pertinenti e degli standard di uguaglianza su questi e argomenti correlati», ha detto.

Anche i vescovi si sono opposti al disegno di legge. In una presentazione del 26 gennaio alla commissione per la giustizia di Oireachtas, hanno avvertito che questa legge avrebbe normalizzato il suicidio e minato «le protezioni contro l’uccisione non consensuale di classi di persone particolarmente vulnerabili. Il suicidio assistito riflette un fallimento della compassione da parte della società. È un fallimento nel rispondere alla sfida di prendersi cura dei malati terminali mentre si avvicinano alla fine della loro vita», hanno detto i vescovi. «Mentre le cure palliative forniscono già assistenza a coloro che stanno morendo, questo disegno di legge prevede l’approvazione medica e l’agevolazione del suicidio. I legislatori devono riconoscere onestamente la differenza e chiamare le cose con il loro nome». Hanno anche affermato che il disegno di legge non riconosce la realtà che molti pazienti che ricorrono all’eutanasia probabilmente soffrono già di malattie mentali, come depressione e ansia. Il desiderio di una morte assistita da un medico nasce dalla paura e queste paure dovrebbero essere affrontate, hanno detto.

«Troviamo insoddisfacente, quindi, che il disegno di legge, nella sezione 8, dia più peso all’irreversibilità della condizione rispetto ai trattamenti che, anche temporaneamente, alleviano i sintomi», hanno detto. «La depressione, l’ansia e l’ambivalenza riguardo alla morte caratterizzano sia i pazienti che tentano il suicidio sia quelli che richiedono il suicidio assistito. Quando vengono affrontate le fonti fisiche e psicologiche della disperazione che sta alla base delle richieste di suicidio assistito, il desiderio di morte diminuisce e i pazienti sono generalmente grati per il tempo che resta loro».

I vescovi hanno anche avvertito che il linguaggio del disegno di legge è fortemente utilitaristico e tratta la dignità umana come qualcosa che può essere perso nella sofferenza. «Qualunque sia la nostra prognosi e comunque limitata la nostra capacità, il nostro valore come persone è radicato in ciò che siamo piuttosto che nella nostra aspettativa di vita o nella nostra capacità di raggiungere determinati standard di prestazioni fisiche o mentali», hanno concluso. Aggiungendo: «Papa Francesco ricorda che “l’attuale contesto socio-culturale sta gradualmente erodendo la consapevolezza di ciò che rende preziosa la vita umana. Infatti, viene sempre più valorizzato sulla base della sua efficienza e utilità, al punto da considerare come vite scartate o vite indegne coloro che non soddisfano questo criterio”». (Fonte)


Potrebbe interessarti anche