giovedì 29 ottobre 2020
  • 0
NEWS 23 giugno 2020    di Redazione
Il vescovo cinese Cui Tai è stato nuovamente arrestato

Il vescovo Augustine Cui Tai, vescovo coadiutore della chiesa sotterranea nella diocesi di Xuanhua, è stato portato in un luogo non specificato il 19 giugno, hanno riportato dei cattolici del luogo secondo la notizia riportata da Uca news. La diocesi ha sede nella provincia settentrionale dell’Hebei, vicino a Pechino. Il vescovo Cui è detenuto dal 2007 senza seguire alcuna procedura giudiziaria. Gli è stato permesso di tornare a casa solo per alcuni giorni durante festival come il capodanno lunare o quello di metà autunno. Il vescovo Cui è tornato in diocesi a metà gennaio durante la festa lunare. Non è stato riportato subito nel luogo di detenzione, probabilmente a causa dello scoppio di Covid-19.

La fonte ha riferito che il vescovo Cui ha avuto una partenza affrettata il giorno 19 giugno e segnala anche che il vescovo ha sofferto di gravi disturbi di stomaco Dal suo arresto nel 2007, non è stato in grado di trascorrere la Pasqua in diocesi. Il suo ultimo soggiorno tra gennaio e giugno in diocesi “è stato il più lungo” di cui il vescovo aveva goduto negli ultimi 13 anni. Se il governo cinese «sta lavorando per costruire una società basata sullo stato di diritto, le autorità non avevano motivo di tenere il vescovo Cui in custodia per 13 anni in modo intermittente», ha detto la fonte.

Il vescovo Cui è stato ordinato sacerdote nell’ottobre 1990. Papa Benedetto XVI lo ha nominato coadiutore del vescovo Thomas Zhao Kexun di Xuanhua nel 2013. Il vescovo Zhao ha ora 96 ​​anni. Il Vaticano, che ha lavorato per diversi decenni per normalizzare le relazioni, ha firmato un accordo nel settembre 2018 con il governo cinese sulla nomina dei vescovi. Nonostante il Vaticano stia cercando di seguire un percorso di dialogo e fiducia reciproca, la fermezza del governo cinese nei confronti del Vaticano e della Chiesa cattolica non può non essere vista.

L‘accordo faceva parte del tentativo del Vaticano di porre fine alla divisione della Chiesa cinese tra la chiesa sotterranea leale al Vaticano e la chiesa “ufficiale” riconosciuta dallo stato.

Chan Lok-shun, responsabile del progetto della Commissione Giustizia e Pace della diocesi di Hong Kong, ha dichiarato che la detenzione del vescovo Cui «è una grave violazione della sua libertà. È scandalosa». E ha aggiunto che il Vaticano e la Cina hanno stipulato un accordo storico sulla nomina dei vescovi, ma la Cina non rispetta tale accordo.

«La situazione della libertà religiosa in Cina non solo non è migliorata ma è peggiorata», ha affermato. La nuova prigionia del vescovo Cui è la prova che il Partito Comunista Cinese «sta ancora usando metodi brutali» contro i leader religiosi che non sono d’accordo con la religione di stato. «Quanto è sincero lo stato cinese? Come si può credere che rispetterà l’accordo?» (Fonte)

 

 


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: