lunedì 19 aprile 2021
  • 0
NEWS 6 aprile 2021    di Redazione
Il vescovo Paprocki e il legame tra il fitness fisico e spirituale

Il vescovo Thomas Paprocki di Springfield, Illinois non si è mai sentito un corridore. Il suo primo amore è l’hockey, che, a quasi 70 anni, gioca ancora regolarmente. Allena persino i portieri di una scuola superiore cattolica locale. «Sto ancora giocando a hockey, e attribuisco questo mio poter giocare ancora alla corsa», ha detto Paprocki a CNA. Paprocki non è un “corridore nato”. In effetti, la prima volta che ha cercato di “andare a correre”, l’ha odiato. Ma ha insistito, e il motivo era semplice. Tre dei suoi nonni morirono a 50 anni per malattie cardiache e Paprocki si rese conto che un destino simile poteva aspettarlo se non avesse migliorato la sua salute. «Stavo leggendo dei benefici cardiovascolari dell’allenamento aerobico, della corsa, della bicicletta o del nuoto, quindi ho pensato: “Se voglio vivere oltre i 50 anni, è meglio che faccia qualcosa”, quindi ho iniziato a correre», ha detto.

Da quel giorno, il vescovo Paprocki ha corso 24 maratone. Ha anche raccolto oltre mezzo milione di dollari in beneficenza durante questi eventi. Paprocki ha recentemente scritto un libro intitolato “Correre per uno scopo superiore: 8 passi per l’idoneità fisica e spirituale” (Ave Maria Press), pubblicato il 26 marzo. In questo libro offre consigli di esperti sulla corsa da un punto di vista pratico, mentre intreccia lezioni su come crescere nella propria vita spirituale. «Una delle premesse principali del libro è la connessione tra corpo e anima.

A differenza degli antichi filosofi greci che vedevano il corpo come qualcosa che è destinato alla morte, noi crediamo nella risurrezione del corpo, noi crediamo che i nostri corpi saranno risuscitati quando il nostro Signore verrà di nuovo, quindi dobbiamo trattare i nostri corpi con rispetto», ha detto Paprocki. «Il modo in cui ho scritto questo libro è stato quello di mantenere questa connessione, quindi non è che un capitolo riguardi la vita spirituale e l’altro capitolo riguardi l’allenamento alla corsa. Sono intrecciati perché, penso, la maggior parte dei corridori, in particolare i maratoneti, ti diranno che hai bisogno di profonde risorse spirituali per fare una maratona».

I passaggi pratici che Paprocki espone nel libro iniziano con la raccomandazione di una valutazione onesta della propria forma fisica e della propria salute. «Una volta identificato dove devi migliorare, devi capire cosa farai al riguardo», ha detto. Una valutazione onesta della propria salute spirituale non è dissimile, ha detto. Un direttore spirituale può aiutare. «È un po’ più difficile valutare la tua forma fisica spirituale di quanto non lo sia la tua forma fisica. Per la tua forma fisica, hai misurazioni, come quanto pesi, qual è la tua pressione sanguigna, quanto è alto il tuo colesterolo, cose del genere, ma per questo, andiamo da un medico. Facciamo un controllo fisico e qualcuno ci controlla. Per la salute spirituale penso che i direttori spirituali possano essere utili, perché è un po’ più difficile quantificarla», ha detto Paprocki.

«Quanto sono santo io? Bene, solo Dio sa, in un certo senso, come stiamo crescendo nella nostra santità, ma il tuo direttore spirituale può aiutarti a guidarti in termini di progresso». Come con l’idoneità fisica, persone diverse si troveranno in luoghi diversi della loro vita spirituale e misureranno il loro successo in modo diverso. «Se non preghi regolarmente, inizia con un’offerta mattutina o dì grazia prima dei pasti. Se non sei abituato a dire il rosario, inizia con una decina – 10 Ave Maria – e fatti strada fino a recitare un rosario intero», ha suggerito.

La salute spirituale, come la salute fisica, richiede uno sforzo ripetuto e un impegno quotidiano, ha detto Paprocki. «Non puoi andare a messa una sola volta e dire: “Va bene, sto bene. Sono andato a messa”. Dobbiamo andare a messa ogni settimana, ogni domenica. Anche la confessione… dobbiamo farla spesso», ha osservato.


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il Timone

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone dal tuo PC, da tablet o da smartphone

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: