venerdì 18 giugno 2021
  • 0
NEWS 3 giugno 2021    di Redazione

Virginia, insegnante sospeso in nome della causa transgender

Gli avvocati dell’Alliance Defending Freedom (ADF), che rappresentano un insegnante della scuola elementare di Leesburg, Virginia, hanno intentato una causa contro le scuole pubbliche della contea di Loudoun dopo che i funzionari lo hanno sospeso per aver espresso le sue obiezioni alla politica scolastica proposta durante il consiglio scolastico. Le politiche avanzate dalla scuola costringerebbero gli insegnanti a violare la loro coscienza di educatori e le loro convinzioni obbligandoli a rivolgersi agli studenti con i pronomi scelti piuttosto che con quelli coerenti con il loro sesso biologico.

L’insegnante, Tanner Cross, ha partecipato alla riunione del consiglio scolastico della contea di Loudoun il 25 maggio, dove ha rispettosamente spiegato la sua preoccupazione per gli studenti che lottano con la disforia di genere e anche la sua preoccupazione per l’essere costretto a dire qualcosa di falso e che viola le sue convinzioni. «Mi chiamo Tanner Cross e parlo per amore di coloro che soffrono di disforia di genere», ha detto l’insegnante elementare. «Non è mia intenzione ferire nessuno, ma ci sono alcune verità che dobbiamo affrontare. Amo tutti i miei studenti, ma non mentirò mai loro, indipendentemente dalle conseguenze. Sono un insegnante, ma servo prima Dio, e non affermo che un “ragazzo biologico” può essere una ragazza e viceversa perché è contro la mia religione. Stiamo mentendo a un bambino, è un abuso per un bambino, ed è peccato contro il nostro Dio», ha detto. Due giorni dopo l’incontro, la scuola ha informato Tanner tramite lettera  che sarebbe stato posto in congedo amministrativo «in attesa di un’indagine sulle accuse secondo cui [lui] ha tenuto una condotta che ha avuto un impatto negativo sulla scuola elementare di Leesburg».

«Le scuole pubbliche non hanno alcun diritto di costringere gli insegnanti a esprimere convinzioni ideologiche che non hanno, né hanno il diritto di sospendere qualcuno semplicemente per aver espresso rispettosamente la propria opinione in un incontro pubblico», ha affermato il consulente senior dell’ADF Tyson Langhofer, direttore del Centro ADF per la libertà accademica. «Il distretto scolastico favorisce un certo insieme di convinzioni su una questione molto controversa, e vuole costringere Tanner ad arrendersi e a sostenerli. Non è né legale né costituzionale, e nemmeno la decisione della scuola di metterlo in congedo».

Gli avvocati dell’ADF hanno inviato una lettera al distretto scolastico spiegando che mettere Tanner in congedo e espellerlo dal campus a causa del suo discorso costituzionalmente protetto raffigurava una ritorsione illegale. L’ADF ha chiesto alla scuola di ripristinare Tanner, revocando la sospensione, rimuovendo la lettera dal suo fascicolo e astenendosi da qualsiasi futura ritorsione se il distretto desiderava evitare azioni legali. La scuola ha risposto alla lettera raddoppiando le sue azioni incostituzionali e affermando che intende mantenere la sua decisione di sospendere Tanner. In risposta, martedì gli avvocati dell’ADF hanno intentato una causa contro il distretto scolastico e hanno chiesto al tribunale di sospendere immediatamente l’esecuzione della sospensione di Tanner. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche