martedì 20 ottobre 2020
  • 0
NEWS 5 settembre 2016    
Von Balthasar e quei cristiani che si sentono più «furbi» del Vangelo e dei loro predecessori

da La semplicità del cristiano (Jaca Book), di Hans Urs von Balthasar

 

«La semplicità Cristiana è un mistero e opera come tale. Il cristiano non può ambire ad essa e produrla con un proprio sforzo come “virtù”, come se essa fosse fattibile ed egli ne fosse il padrone, poiché essa è invece il riflesso in lui di una luce divina che gli si dona.

Allorché dei cristiani ritengono di poter produrre da sé il loro atteggiamento interiore diventano stupidi e come tali agiscono, poiché vorrebbero andare al di là della semplicità dell'Evangelo e anche di quella dei loro predecessori. Per sbarazzarsi di questa manifesta stupidità non rimane loro che adeguarsi alla furbizia di questo mondo, che è del tutto priva di mistero.

Ma così finiscono in una contraddizione, poiché vorrebbero essere pur sempre religiosi, ma giacché il mondo odierno, valutando tutto in base alla fattibilità, non è più religioso, bensì a-teo (non interessato a Dio), finiscono nel solco dell'ateismo, il quale - allorché viene annunciato e imposto come un programma privo di contraddizioni - si rivelerà più forte della stupida furbizia dei cristiani.

Così si può solo sperare che perfino questi stupidi furbi conservino in sé, senza saperlo e volerlo, un piccolo resto di quel mistero della semplicità cristiana che si rivela in essi, laddove la battaglia con l'ateismo diventa seria, come un diamante senza scalfitture».

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: