sabato 24 febbraio 2024
  • 0
Youtuber travolgono una Smart, quando i like mangiano il cervello (e la vita)
NEWS 16 Giugno 2023    di Manuela Antonacci

Youtuber travolgono una Smart, quando i like mangiano il cervello (e la vita)

Se il sospetto si rivelasse fondato, la faccenda avrebbe dei contorni drammaticamente surreali. Stiamo parlando dell’inchiesta aperta dalla procura di Roma, per omicidio stradale, in seguito all’incidente del pomeriggio dello scorso 14 giugno, in via Aristonico di Alessandria, zona Casal Palocco, in cui ha perso la vita, Manuel Proietti, un bambino di 5 anni, morto poco dopo aver raggiunto il vicino ospedale Grassi di Ostia, dove è stato trasportato subito dopo lo schianto, mentre la madre Elena Uccello, una donna di 29 anni e la sorella di Manuel, di appena quattro anni con cui viaggiava, sono rimaste ferite. Il piccolo si trovava in una Smart Forfour che si è scontrata con un suv Lamborghini con a bordo cinque ragazzi.

Il ventenne alla guida dell’auto, che era stata presa a noleggio, è attualmente indagato, mentre le posizioni degli altri quattro giovani sono al vaglio dei magistrati, coordinati dal procuratore aggiunto Michele Prestipino. Una consulenza tecnica, affidata dalla procura di Roma, accerterà la velocità a cui viaggiava il Suv Lamborghini nel momento dello scontro con la Smart Forfour, ma soprattutto, la fondatezza del sospetto, secondo cui nelle fasi precedenti allo schianto, i quattro ragazzi stessero girando un video da postare, poi, sui social – in particolare sul gruppo Theborderline di cui fanno parte – per una ‘sfida’ online incitando il ragazzo alla guida a premere l’acceleratore.

Certo è che risulta alquanto insolito che dei giovani si alternino per ben 50 ore alla guida, apparentemente senza motivo. Peraltro uno degli indagati ha già rotto il silenzio: «Sono distrutto, il trauma è indescrivibile anche se non guidavo io», ha detto ieri mattina il ragazzo che compare nel video, Vito Loiacono, uno degli youtuber che si trovavano sul suv Lamborghini Urus. Tuttavia ad essere accusato di omicidio è Matteo Di Pietro che in quel momento era alla guida dell’auto.

Di Pietro, volto e fondatore dei Theborderline pare che, insieme ad altri quattro amici, avesse noleggiato una Lamborghini per l’ennesima sfida social: passarvi dentro, appunto, cinquanta ore, senza mai scendere. Un format che aveva già proposto ai suoi followers nei mesi precedenti, prima dentro una Cinquecento e poi dentro una Tesla. Il gruppo social, infatti, nei loro video cercava, come hanno dichiarato, di replicare gli stessi “esperimenti” di Mr. Beast, il secondo canale YouTube con più iscritti (160 milioni). Un canale dai contenuti più svariatamente folli: sfide estreme, prove di sopravvivenza, giochi a squadre improbabili ecc.

Viene spontaneo chiedersi, allora, dove siano i genitori di questi ragazzi impegnati in tali pazzie, costantemente connessi con una realtà paradossale. Magari sono i genitori stessi ad essere alle prese con i vari tik tok e gruppi social, perché quello che si percepisce è che di fatto nessuna autorità sembra venire esercitata su giovani che si dedicano a simili sfide. Non solo, ci si chiede anche che impostazione educativa possano aver ricevuto dei ragazzi che, pur di ostentare chissà cosa e mostrarsi sopra le righe, siano disposti ad aderire anche a sfide come questa, in cui ci può anche scappare un morto. Ma agli occhi di chi non distingue il reale dal virtuale, l’importante è raggiungere l’obiettivo di aumentare like e followers. La realtà vera è quella dei social, insomma! (Fonte foto: Youtube)

ABBONATI ALLA RIVISTA!


Potrebbe interessarti anche