sabato 16 ottobre 2021
  • 0
di AA. VV.
il Timone N. 196 di Giugno 2020

Bibbiano un anno dopo, cosa è rimasto dell’orrore?

A un anno di distanza, riavvolgiamo il nastro con il reportage di Raffaella Frullone. Bibbiano non era altro che un paese di 10.000 abitanti sulle colline di Reggio Emilia, sconosciuto ai più fino al giugno dello scorso anno, quando un’inchiesta shock lo ha reso famoso per l’orrore scoperchiato dall’indagine denominata, non a caso, “Angeli e Demoni”. In 277 pagine di ordinanza il Giudice per le indagini preliminari metteva nero su bianco uno scandalo che travolgeva l’intero territorio della Val D’Enza.

«Servizi sociali, tribunali dei minori, leggi inadeguate e persino una politica connivente. Su Bibbiano sono ancora in piedi tutte le cause che hanno portato allo scandalo di un anno fa». Sono le parole di Patrizia Micai, avvocato di Ferrara impegnata da anni sul fronte del diritto minorile, raccolte in una lunga intervista da Andrea Zambrano.

L’inchiesta “Angeli e Demoni” ha evidenziato una lucida avversione del sistema nei confronti della cellula fondamentale della società. Una storia che arriva da lontano raccontata dall’avvocato Gianfranco Amato

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Giugno.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche